Gaynet Roma: “Solidarietà a Meloni per gli insulti sessisti. La Legge Zan tutelerà anche lei che non la vuole”

Condividi

di Redazione, LGBTIQ+

“Il sessismo è una pratica inaccettabile, da qualunque punto lo si guardi”. Così Rosario Coco referente di Gaynet Roma. “Ci associamo quindi alla solidarietà espressa a Meloni dal presidente Mattarella. Le conseguenze dell’odio sessista e misogino, come quello espresso contro di lei nella trasmissione su ‘Controradio’, sono ormai all’ordine del giorno: molestie, abusi, femminicidi. E’ bene essere chiari: l’odio, per quanto deprecabile, non è mai, di per sé, reato, ma può rappresentare, in determinate circostanze, l’origine di discriminazioni, violenze e omicidi. E’ necessario – prosegue Coco – che anche nel centrodestra si possa riflettere su una legge importante come quella contro omotransfobia, misoginia e abilismo, in attesa di essere calendarizzata in Senato.

La Legge Zan – conclude Coco –  tutelerebbe infatti le donne dalle conseguenza dell’odio misogino, comprese coloro che a questa legge si stanno fermamente opponendo, e offrirebbe importanti strumenti di prevenzione”.

 

(21 febbraio 202021)

©gaiaitalia.com 2021 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 




 

 

 

 

 

 




Pubblicità

altre notizie

I No Green pass chiamano il 112 della Polizia per dire che la Polizia li blocca senza sapere che al 112 risponde la Polizia

di Daniele Santi, #poverinoi Così, visto che erano circondati dalla polizia, per dirla alla Ridolini cercando di evocare le espressioni soddisfatte...

Quelli che “già a Pompei” c’era un “mosaico” che “conteneva un QR code per il Green pass”

di Giovanna Di Rosa, #bufale E' proprio quella magnifica invenzione che è Bufale.net a riportare la notizia. I creduloni...

David Sassoli ricoverato in ospedale in Italia dal 26 dicembre

di Redazione Politica Il presidente del parlamento europeo David Sassoli è ricoverato dal 26 dicembre in ospedale in Italia per complicazioni...

Iran. Ventenne decapitato dalla famiglia perché omosessuale

di Ragazzi di Tehran, #Iran Aveva 20 anni e si chiamava Alireza Monfared. Aveva vent'anni e voleva una nuova vita....
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: