Home / Copertina / Lega e M5S cancellano il bonus baby-sitter: per loro la famiglia è solo propaganda (per Di Maio non è vero)

Lega e M5S cancellano il bonus baby-sitter: per loro la famiglia è solo propaganda (per Di Maio non è vero)

di Giovanna Di Rosa #Famiglia twitter@gaiaitaliacom #Pentaleghismo

 

Famiglia tradizionale? Pura propaganda filorussa. L’interesse per la donna-madre? Una bugia. Il congresso mondiale della famiglia: pura adesione a valori pseudo-cattolici legati alla real-fascistik putiniana e dell’estrema destra americana che fomenta l’odio contro le minoranze. Il governo pentaleghista è una bomba ad orologeria piena di bugie pronta ad esplodere.

I ladri di Pisa, come qualche mattacchione toscano li ha soprannominati, non vanno d’accordo su nulla e dopo che il M5S ha affossato l’emendamento dei fratellini d’Italia di Giorgia Meloni che voleva la castrazione chimica a tutti i costi perché per essere donne bisogna ragionare come i maschi forcaioli, votando con le opposizioni e dando un segnale di un certo peso a Salvini, si prepara la guerra. Intanto però decidono di affossare la misura nota come bonus baby sitter, facendolo comunicare all’INPS. Devono mettere i soldi nel reddito di cittadinanza, che vanno quasi tutti al sud e che non sono una misura propagandistica.

Eccolo l’amore per la famiglia del pentaleghismo favoloso raccontato a Verona.

Naturalmente Luigi Di Maio dice che non è vero. E lo dice all’Adnkronos smentendo quanto detto “da qualcuno” perché per lui l’INPS è “qualcuno” e informandoci che il “da 500 fino a 1.500 euro” e nei prossimo mesi verrà approvato “un provvedimento che prevede che le coppie avranno 50% di sconto sui pannolini, 50% per gli asilo nido e aiuti su baby sitter”, e chissà cos’altro ancora. Del resto ci sono le elezioni alle porte…

Di Maio però dimentica, son tante le cose da fare, che all’Adnkronos qualcuno dei suoi aveva rilasciato questa dichiarazione:

 

…come maggioranza in Commissione Bilancio non abbiamo votato mai in difformità, del resto sarebbe già uscito sui giornali allora, non oggi (…) il voucher baby sitter non è stato rifinanziato nel 2019 perché vi aderivano pochissime famiglie, nemmeno 10mila mamme e c’è un motivo: la ragione principale è che le mamme che optavano per il voucher dovevano rinunciare al congedo e le mamme non lo fanno, preferiscono tenerselo per esigenze dei figli”.

 

 





 

(4 aprile 2019)

©gaiaitalia.com 2019 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 

 




 

 

 

Comments

comments

Server dedicato
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne clicca su "leggi di più". Questo sito utilizza cookies di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi