“Reddito di cittadinanza” o di quanto fa 780 euro per 9 milioni di persone al mese

Leggi di più

Bologna, dodici misure cautelari tra appartenenti al Collettivo Universitario Autonomo e Laboratorio Cybilla

di Redazione Bologna Questa mattina la DIGOS della Questura di Bologna ha eseguito su disposizione della locale Procura della Repubblica, nella persona del Procuratore Capo dott. Giuseppe Amato e del dott. Antonio Gustapane, titolare delle indagini, 12 misure cautelari, emesse dal G.I.P. del Tribunale di Bologna, dott. Claudio Paris, a carico di altrettanti appartenenti del Collettivo […]

Volpi e Garozzo consegnano il fioretto alla Città di Torino

di Redazione Torino Il Grand Prix FIE TROFEO INALPI incorona Torino capitale mondiale del fioretto nell’ambito della prima prova del calendario GRAND PRIX SERIE 2023 di fioretto maschile e femminile in programma al Pala Alpitour dal 10 al 12 febbraio, Alice Volpi e Daniele Garozzo consegneranno il fioretto al sindaco Stefano Lo Russo e all’assessore allo Sport e […]

Tragedia sul lavoro nel cantiere del Terzo Valico a Voltaggio: muore un 33enne

di Redazione Alessandria Tragedia nel cantiere del Terzo Valico a Voltaggio, nell’Alessandrino attorno all’una di notte del 7 febbraio. Uno scoppio, dovuto probabilmente a una fuga di gas, e la fiammata che ne è seguita, ha provocato la morte di un operaio e il ferimento di un altro operaio. La vittima è un uomo di 33 anni, calabrese, in […]

Il Parco nazionale dell’Appennino tosco-emiliano è il primo in Europa con doppia certificazione FSC e PEFC per la gestione forestale sostenibile e i servizi...

di Redazione Bologna In Italia i boschi arrivano a coprire il 37% del territorio: un grande valore che deve però essere gestito in maniera opportuna[1]. È infatti necessario tutelare il patrimonio forestale e arboreo italiano a 360 gradi, tenendo conto dei suoi “servizi ecosistemici”, ovvero i benefici multipli forniti dagli ecosistemi al pianeta e al genere […]

CONDIVIDI

di Giancarlo Grassi #blablabla twitter@gaiaitaliacom #Elezioni2018

 

 

Se diamo un’occhiata a Google Trends scopriamo che nei giorni scorsi la ricerca relative a “reddito di cittadinanza” hanno avuto un picco clamoroso, per quanto non inaspettato, soprattutto in Italia (pubblichiamo qui sotto le tabelle relative). Non stupisce nemmeno più di tanto: ci sono zone d’Italia dove la promessa di assistenzialismo, funziona così dai tempi della Democrazia Cristiana, ha dato i suoi frutti. Lo chiamavano voto di scambio, la Lega li chiama scansafatiche, il M5S “reddito di cittadinanza”.

 


Il “reddito di cittadinanza”, nei termini in cui è stato promesso, costerebbe a chi l’ha promesso, secondo qualcuno, una cifra vicina ai 30 miliardi di euro. Qualcun’altro dice 29, il M5S dice attorno ai 15, ma si dimentica di volerlo agganciato ai dati Eurostat, così che i denari cresceranno. Significa un buco senza fine. Come si troveranno le coperture. L’argomento interessa perché c’è differenza tra non fare nulla e non percepire nulla e non fare nulla e percepire circa 2000 euro a famiglia. Come? E’ semplice.

Il M5S ha promesso di dare 780 euro al mese ai disoccupati e di alzare a 780 euro al mese il reddito di tutti coloro, pensionati o lavoratori, che non arrivano ai 780 euro al mese. Il M5S spiega anche che saranno 9 milioni gli Italiani che avranno diritto al reddito di cittadinanza, che potrà essere esteso a tutti i componenti della famiglia con l’effetto che una famiglia di 4 persone potrà arrivare a “1950 al mese esenti da tasse e da pignoramenti”. Ora, se non sbagliamo i calcoli, 780 euro al mese per 9milioni di persone fa 7miliardi e 20milioni di euro di spesa al mese. Lasciamo a voi il calcolo annuale, le idee per trovare i soldi per le coperture e le parole per insultarci.

La Sanità pubblica in Italia costa una cifra vicina ai 145miliardi di euro all’anno, 6,9 punti di PIL. Il reddito di cittadinanza, se i nostri calcoli sono esatti, costerebbe 3,45 punti di PIL. All’anno. Altro che miracoli. Siamo a ciò che noi umani non avremmo nemmeno potuto immaginare. Dal calcolo lasciamo fuori, volutamente, l’abolizione della Legge Fornero che i due partiti usciti vincitori dalle elezioni, M5S e Lega, hanno promesso di abolire. Dove troveranno i soldi non è dato sapere, anche se la Lega coi soldi, soprattutto quelli pubblici, ha dimostrato – tra giornali, radio e banche – di saperci fare.





(6 marzo 2018)

©gaiaitalia.com 2018 – diritti riservati, riproduzione vietata





 

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: