18.4 C
Roma
17.4 C
Milano
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

POLITICA

PubblicitàLancio Master 2023 Limited Edition

ESTERI

Pubblicità
Homelavoro1° Maggio, USIF: lettera aperta al governo "Basta attese, necessario dare ascolto...

1° Maggio, USIF: lettera aperta al governo “Basta attese, necessario dare ascolto ai lavoratori in divisa”

Pubblicità
GAIAITALIA.COM NOTIZIE anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

di Redazione Gaiaitalia.com

In occasione della Festa dei lavoratori, l’Unione Sindacale Italiana Finanzieri (USIF), con lettera aperta, lancia un appello al Governo e alla politica affinché vengano tutelati anche i diritti e le giuste rivendicazioni delle donne e degli uomini in divisa. L’ormai consolidata prassi di procedere solo a posteriori al rinnovo contrattuale, rende vani gli aumenti e inadeguate le risorse finanziarie, non congrue a colmare la perdita del potere d’acquisto degli stipendi accumulatasi nel corso degli anni.

Esistono primarie necessità economiche ed altre di diversa natura che richiedono la dovuta attenzione, proprio il contratto di lavoro risulta essere lo strumento fondamentale per garantire le migliori condizioni retributive e dei diritti più in generale.

L’Unione Sindacale Italiana Finanzieri (USIF), a nome di tutto il personale della Guardia di Finanza, ritiene che tra le priorità del Governo dovranno essere necessariamente affrontate, anche in sede di rinnovo contrattuale, le tematiche riportate nell’apposito documento.

L’Unione Sindacale Italiana Finanzieri (USIF) auspica che la giornata del 1° maggio rappresenti un momento di riflessione e presa di coscienza da parte del Governo affinché vengano affrontare le legittime e giuste rivendicazioni di tutto il personale del Comparto Sicurezza e Difesa che, ricordiamo, tutti i giorni garantisce la legalità e la sicurezza del Paese senza mai sottrarsi ai propri doveri.

Informa un comunicato stampa del 1° maggio dell’USIF.

 

(1 maggio 2024)

©gaiaitalia.com 2024 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

 

 

 



Pubblicità

LEGGI ANCHE