32.4 C
Roma
32.1 C
Milano
Pubblicità
Pubblicità
Torino
nubi sparse
25 ° C
25.5 °
24.1 °
89 %
0.8kmh
46 %
Mer
25 °
Gio
27 °
Ven
29 °
Sab
27 °
Dom
24 °

POLITICA

Pubblicità

ALTRA POLITICA

Pubblicità

ESTERI

Pubblicità
HomeIn EvidenzaFigli e figliastri di un Codice Universale variabile e di un Reato...

Figli e figliastri di un Codice Universale variabile e di un Reato Universale impossibile

Pubblicità
GAIAITALIA.COM NOTIZIE anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

di Paolo M. Minciotti

E fu così che a casa dei creatori di un inapllicabile Reato Universale, qualsiasi cosa voglia dire, fu portato sul palco l’oggetto del reato, sempre che parlando di un bambino si possa utilizzare la parola “oggetto”. Reato, definito universale [sic], sulla cui applicazione esiste evidente discrezionalità, a giudicare dal giubilo degli astanti di fronte al “visionario” Musk, accompagnato dal figlio nato in provetta e con utero in affitto, sul palco della kermesse di Atreju. Kermesse durante la quale, almeno in quel momento, si è sacrificata l’onestà intellettuale su un tema caldo e sensibile, in onore dell’esposizione e del sostengo del “visionario” imprenditore del futuro.

Al netto delle singole posizioni sul merito del rendere reato la maternità surrogata, resa reato per soddisfare l’esigenza di una base ignorante in materia che crede sia tecnica in uso nella comunità LGBT, ma che in realtà è utilizzata nella sua quasi totalità da coppie eterosessuali benestanti, cioè con soldi, la dissonanza della presenza di un suo sostenitore di fronte ad una platea teoricamente contraria che lo plaude come novello idolo di parte, evidenzia ancora una volta la distopia esistente tra le basi ideologizzate e la realtà “reale” dei fatti concreti. Una base elettorale che vive in un mondo parallelo, come tutte le basi dei vari partiti, ormai dediti a narrazioni di realtà alternative, utili al recupero di sostegno tramite pseudovalori e slogan.

Una platea in cui erano presenti molti di coloro che hanno votato a favore di un reato che avrebbe dovuto portare all’arresto dell’ospite d’onore ma che, niente! – ha sprecato ovazioni invece di allertare le forze dell’ordine, di fronte ad un reo confesso di un reato, tra l’altro, “universale”. Tra questi i Senatori di Fratelli d’Italia, pubblici ufficiali, che a voler fare le pulci al codice, si sono resi correi della violazione del codice penale. Dissonanze.

E a proposito della dissonanza tra l’azione politica di un esecutivo, e di un partito in particolare e di quanto andato in scena sul palco di Atreju, che vediamo il pubblico, accecato di tifoseria, che non si accorge di nulla in barba al rispetto dei valori millantati, in barba alle bandierine della “famiglia tradizionale”, in barba ad una base cieca ed ignorantemente complice. Il “reato universale”, qualsiasi cosa voglia dire, è l’ennesimo slogan sul palco osceno della perenne campagna elettorale di parte. Col placet di chi viene costantemente preso per il naso, anche alla luce del sole.

 

 

(17 dicembre 2023)

©gaiaitalia.com 2023 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

 

 

 

 



Roma
cielo sereno
32.4 ° C
34.3 °
30.9 °
41 %
2.6kmh
0 %
Mer
30 °
Gio
37 °
Ven
37 °
Sab
36 °
Dom
35 °
Pubblicità

LEGGI ANCHE