Il furore antimigranti della destra riesce a dividere in “serie a” e “serie b” anche i disperati

Leggi di più

Bologna, dodici misure cautelari tra appartenenti al Collettivo Universitario Autonomo e Laboratorio Cybilla

di Redazione Bologna Questa mattina la DIGOS della Questura di Bologna ha eseguito su disposizione della locale Procura della Repubblica, nella persona del Procuratore Capo dott. Giuseppe Amato e del dott. Antonio Gustapane, titolare delle indagini, 12 misure cautelari, emesse dal G.I.P. del Tribunale di Bologna, dott. Claudio Paris, a carico di altrettanti appartenenti del Collettivo […]

Volpi e Garozzo consegnano il fioretto alla Città di Torino

di Redazione Torino Il Grand Prix FIE TROFEO INALPI incorona Torino capitale mondiale del fioretto nell’ambito della prima prova del calendario GRAND PRIX SERIE 2023 di fioretto maschile e femminile in programma al Pala Alpitour dal 10 al 12 febbraio, Alice Volpi e Daniele Garozzo consegneranno il fioretto al sindaco Stefano Lo Russo e all’assessore allo Sport e […]

Tragedia sul lavoro nel cantiere del Terzo Valico a Voltaggio: muore un 33enne

di Redazione Alessandria Tragedia nel cantiere del Terzo Valico a Voltaggio, nell’Alessandrino attorno all’una di notte del 7 febbraio. Uno scoppio, dovuto probabilmente a una fuga di gas, e la fiammata che ne è seguita, ha provocato la morte di un operaio e il ferimento di un altro operaio. La vittima è un uomo di 33 anni, calabrese, in […]

Il Parco nazionale dell’Appennino tosco-emiliano è il primo in Europa con doppia certificazione FSC e PEFC per la gestione forestale sostenibile e i servizi...

di Redazione Bologna In Italia i boschi arrivano a coprire il 37% del territorio: un grande valore che deve però essere gestito in maniera opportuna[1]. È infatti necessario tutelare il patrimonio forestale e arboreo italiano a 360 gradi, tenendo conto dei suoi “servizi ecosistemici”, ovvero i benefici multipli forniti dagli ecosistemi al pianeta e al genere […]

CONDIVIDI

di Giovanna Di Rosa

Non ci si poteva aspettare nulla di diverso e il 44,4% di Italiani che hanno votato le destre, su un totale di 66,6% di votanti totali, hanno votato Salvini, Meloni e compagnia anche perché poi facessero quello che stanno facendo. Sono certa di non essere lontana dalle realtà se affermo che nemmeno loro potevano immaginare che Salvini, Piantedosi e Crosetto riuscissero a dividere anche i disperati in “disperati di serie a e serie b”.

Il carico residuale, come lo hanno definito dalle destre (o il viaggio organizzato come ha preferito in maniera ridanciana blaterare un comico di poco talento durante la diretta mattutina di una radio nazionale, offre ancora una volta al mondo lo spettacolo indegno di un governo che riparte da dove Salvini aveva lasciato in un furore razzista disumano e diseducativo che dimentica di dire che questo è il risultato di una legge ancora in vigore che si chiama Bossi-Fini e che proprio la Lega fortissimamente volle e che solo l’intervento di Gianfranco Fini riuscì a stemperare nei suoi aspetti più duri. Ma non in quelli che rendono quasi impossibile lo stabilire le famose quote grazie alle quali chi vuole entrare in Italia regolarmente riesce a farlo in accordo con la Legge.

Mentre stiamo scrivendo dai confini-colabrodo dell’est dell’Italia entrano decine e decine di migranti irregolari che entrano a loro volta in Italia, in silenzio e nel silenzio del Governo, impegnato a dare spettacolo – uno spettacolo indecoroso – con le vite degli altri a beneficio delle televisioni che fanno audience trasmettendo in diretta gli Help Us!!! dei migranti dagli oblò delle navi. Naturalmente la colpa è dell’UE, ma anche in quel caso si dimentica che chi blocca gli accordi sulla redistribuzione dei migranti è, ancora una volta, l’Ungheria di Viktor Orbán che alla presidente Meloni, fino a qualche settimana fa, faceva comodo per la sua propaganda. Una vergogna nazionale. Come i campi di concentramento libici, dai quali non si torna più indietro.

Cortina di fumo: perché il governo Meloni non potrà mantenere nessuna delle promesse fatte in campagna elettorale e se la prende con le minoranze. Coi migranti siamo appena all’inizio.

 

(7 novembre 2022)

©gaiaitalia.com 2022 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 



 

 

 

 

 

 

 

 



%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: