L’ambasciatore dei Mondiali di calcio in Qatar, Khalid Salman: “Essere gay è una malattia mentale”

Pubblicità

Condividi

di Paolo M. Minciotti

“Essere gay è haram ed è una malattia mentale. Molte cose [sic] entreranno nel Paese, parliamo di gay. Tutti accetteranno che vengano qui ma dovranno accettare le nostre regole”; è l’AGI a citare l’ambasciatore dei Mondiali di calcio in Qatar, Khalid Salman, 60 anni, ex calciatore, nel corso di un’intervista alla televisione tedesca Zdf che ha curato il reportage Geheimsache Qatar che andrà in onda questa sera.

Successivamente l’intervista è stata interrotta dal portavoce del Comitato organizzatore dei Mondiali.

L’omosessualità in Qatar è severamente vietata, e come in tutti i paesi arabi è amplissimamente praticata nonostante l’apartheid e la negazione delle autorità, e può essere punita con sette anni di reclusione.

 

 

(8 novembre 2022)

©gaiaitalia.com 2022 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 



Pubblicità

altre notizie

I No Green pass chiamano il 112 della Polizia per dire che la Polizia li blocca senza sapere che al 112 risponde la Polizia

di Daniele Santi, #poverinoi Così, visto che erano circondati dalla polizia, per dirla alla Ridolini cercando di evocare le espressioni soddisfatte...

Quelli che “già a Pompei” c’era un “mosaico” che “conteneva un QR code per il Green pass”

di Giovanna Di Rosa, #bufale E' proprio quella magnifica invenzione che è Bufale.net a riportare la notizia. I creduloni...

David Sassoli ricoverato in ospedale in Italia dal 26 dicembre

di Redazione Politica Il presidente del parlamento europeo David Sassoli è ricoverato dal 26 dicembre in ospedale in Italia per complicazioni...

Iran. Ventenne decapitato dalla famiglia perché omosessuale

di Ragazzi di Tehran, #Iran Aveva 20 anni e si chiamava Alireza Monfared. Aveva vent'anni e voleva una nuova vita....
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: