Pubblicità
27.7 C
Roma
27.6 C
Milano
domenica, Aprile 14, 2024
Pubblicità
PubblicitàBritish School Banner 2023

POLITICA

PubblicitàLancio Master 2023 Limited Edition

ESTERI

Pubblicità
Pubblicità
HomeCopertinaUn classe politica di incapaci ormai alla canna del gas

Un classe politica di incapaci ormai alla canna del gas

GAIAITALIA.COM NOTIZIE anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

di Daniele Santi, #Politica

La faccenda del cornoletame, se avessimo cercato battute scontate le avremmo scritte noi, è la chiarissima fotografia di una classe politica di incapaci ormai alla canna del gas. la votazione unanime che garantisce la copertura di soldi pubblici alla stregoneria e creduloneria popolare avviene alla vigilia della strage di Capaci, perché piuttosto che occuparsi di cose serie, la classe politica che è stata messa in parlamento da elettori senza criterio, con pieno diritto, pensa alle corna e al letame. Non c’è da stupirsi.

Siamo così passati da Enrico Letta che parla di tassare ciò che è già tassato ed intassabile, invece di fare proposte serie sul futuro del paese, alla leader di Fratelli d’Italia che viene invitata a presentare il suo volumetto da influencer in un liceo, ma poi non la vogliono più quindi l’incontro salta, e lei commenta “Non mi ricordo mi abbiano invitata” così come non ricordava di essere stata ministra del governo Berlusconi dello spread a 522,11. Siamo così passati da Salvini che lancia Draghi alla presidenza della Repubblica per toglierselo dai piediMattarella che dice che finirà il suo mandato e si riposerà, segno che gli toccherà fare come Napolitano.

Eccolo il paese dei Balocchi alla canna del gas: una classe politica di incapaci che non sono nemmeno più in grado di presentare soluzioni ai problemi del paese, che con regolarità è costretta ad affidarsi a tecnici e figure che solitarie spiccano sul cialtronume imperante; una classe politica incapace di programmare qualsiasi cosa capace però di pensare a televisioni, radio, interviste, libri che più vuoti non si può, a tutte le apparizioni possibili e che parla, parla, parla e straparla, senza fare nulla. Va avanti così dal 1994, e questo paese non ne può più. Non ne può più economicamente: i nostri figli hanno, non appena emettono il primo vagito, 44mila euro di debito sul groppone – oggi, domani saranno di più, fra una settimana di più, fra un mese di più e via crescendo; l’Italia è a crescita zero e Salvini grida contro i migranti che sono gli unici a fare figli ed è grazie a loro e ai loro figli (ai quali non si vuole dare la cittadinanza italiana) se si potranno continuare a pagare le pensioni in un’Italia che nemmeno tromba più.

Ciò che mancava, il M5S che doveva aprire la scatoletta di tonno, nell’immediato post-apertura si è prima inventato Conte per poi vaporizzarsi nell’inconsistenza politica assoluta, e nella immobilità totale, nell’immediato post video delirante di Grillo in difesa del proprio augusto pargolo per le note vicende.

E loro, nel Transatlantico, votano all’unanimità pro cornoletame. E parlano di vaccini ed obbligo di vaccini nello stesso tempo. Applause applause applause…

 

(23 maggio 2021)

©gaiaitalia.com 2021 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 




Pubblicità

LEGGI ANCHE