.
11.6 C
Roma
giovedì, Dicembre 2, 2021

Lo straordinario (per certi versi inspiegabile) successo della “politica dell’ordine alieno”

0


0

di G.G. #Lopinione twitter@rimininewsgaia #Politica

 

La nuova uscita del generale Pappalardo che ha deciso per conto del popolo di “arrestare Giuseppe Conte” insieme al popolo, arresto previsto per il 12 settembre a Rimini, in pieno stile “tribunale del Popolo” di sovietica tristissima memoria, insieme al banchetto per “invocare la libertà” che abbiamo incontrato proprio a Rimini sabato 29 agosto, fa profondamente riflettere sul successo della “politica per dementi” che pesca tra le menti semplici e credulone inaugurata dal M5S ora autoriciclatosi in partito di governo, a tutela dell’Italia.

Pare francamente che non ci sia rimedio a questo ondata di follia da ignoranza e di fanatismo da inconsistenza culturale che individui senza scrupoli, agitatori al limite dell’eversione, parlamentari e senatori spregiudicati quanto pericolosi, autoproclamati leader di quest’accozzaglia di impresentabili,  che attinge alla demenza popolare ad agitare le folle e a gettare benzina sul fuoco in nome di una realtà che non esiste, se non nelle loro menti sulla cui sanità ci permettiamo di dubitare.

In particolare il movimento dei Gilet Arancioni, con una delle cui poveracce esponenti questo quotidiano ha avuto il piacere [sic] di conversare il 29 agosto scorso, pare essere nato su ispirazione alinea. Proprio così. Sono stati gli alieni a suggerire a Pappalardo di armarsi lancia in resta (e poco in testa) alla conquista dell’Italia.

Era il sei febbraio del 2000, ho una villetta fra Roma e L’Aquila dove trascorrevo e tutt’ora trascorro i miei weekend (…) quest’uomo si è avvicinato, aveva un lungo impermeabile grigio addosso, uno sciarpone e un capello in testa. Quando ha visto mia moglie si è tolto il cappello e l’ha salutata molto galantemente. Questo mi ha in qualche modo rassicurato. Poi si è rivolto a me e ha detto “io sono un alieno e vengo da un altro pianeta”. Il fatto mi ha suscitato del sorriso…”, pensate a noi (la storia continua qui)…

Dunque se un tempo si combatteva la politica tradizionale perché cercava di raccontare una realtà leggermente diversa da quella quotidiana, oggi assistiamo ad un rovesciamento della prospettiva: persone, anche convinte di avere una certa cultura, che rifiutano tutto quanto di ufficiale venga loro detto – e più si avvicina alla realtà delle cose e più viene rifiutato – per poi andare ad abbracciare profeti alla Pappalardo, il cui partito politico nasce dall’incontro con un alieno [sic] e che negano la realtà, le leggi e la Costituzione, insomma tutto l’ordinamento democratico così come lo conosciamo, in nome di una tendenza a sovvertire non quel che c’è perché va cambiato, ma per il semplice gusto di costruire una propria realtà personale aderente alla propria follia (o demenza che dir si voglia) quanto più possibile lontana dalla realtà. Tutto in nome di una non meglio precisata lotta contro “la mancanza di libertà e democrazia in questo paese”.

Vorremmo che questi signori, Pappalardo e amichetti dell’estrema destra in testa, andassero a Mosca o Vladivostock ad annunciare che si incontrano per chiedere al popolo di arrestare Putin, per vedere l’effetto che fa. Poi possiamo riparlare di mancanza di libertà e democrazia.

 

(1 settembre 2020)

©gaiaitalia.com 2020 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

 




0


0

POTREBBERO INTERESSARTI

SEGUITECI

4,764FansMi piace
2,382FollowerSegui
128IscrittiIscriviti
Pubblicità

ULTIME NOTIZIE

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: