25.4 C
Roma
lunedì, Settembre 27, 2021

“Giustappunto!” di Vittorio Lussana. Tutti i complotti delle destre clerico-fasciste

di Vittorio Lussana #Giustappunto twitter@gaiaitaliacom #NoFascisti

 

Ora che la ‘Fase due’ della pandemia è pienamente in atto, si può cominciare a passare alla ‘Fase tre’. E siccome, seppur lentamente, le cose cominciano a muoversi, il complottismo cattolico integrista e neofascista è già al lavoro per montare una nuova serie di complotti estremamente divertenti, che non sono affatto da censurare – sia chiaro – poiché rappresenteranno la vera arma in più per quando ci recheremo a votare. Innanzitutto, dietro a tutto questo c’è una regia occulta, poiché i vari personaggi che stanno muovendo le loro pedine per far leva sulle paure degli italiani – a cominciare da quella per la crisi economica, che purtroppo era inevitabile – fanno parte di quel crogiuolo di pseudo-intellettuali tutti collegati tra loro: dalla signora Silvana De Mari ai ‘gilet arancioni’ del generale Pappalardo; da Alessandro Mieluzzi a Zaira Bartucca; dal cattolicissimo avvocato Massimo Viglione a Magdi Cristiano Allam. In secondo luogo, questo gruppo di ‘guastatori’ ha un obiettivo ben preciso: accusare il governo Conte di avere simpatie filo-cinesi, nel tentativo di convincerci tutti quanti a spostare le nostre preferenze verso la Russia di Putin, che è il vero ‘regista’ di tutte queste operazioni di disturbo. Il collegamento con Matteo Salvini e Giorgia Meloni c’è e non c’è: si faccia bene attenzione in questo. Anzi, le attuali considerazioni dei ‘complottari’ sono di delusione sia verso la Lega di Salvini, sia nei confronti di Fratelli d’Italia: per aver dimostrato scarsa affidabilità politica la prima, nella vicenda del Papeete; per non avere del tutto negato la pandemia da coronavirus i secondi. In parte, questa diagnosi è fondata. Quindi, fin qui niente di male. Infatti, pur tra eccessi e forzature, Salvini e la Meloni hanno un disegno politico tutto sommato ‘normale’: vincere le prossime elezioni politiche e andare al governo. Ma questo ai complottisti non basta più: essi vogliono provocare il panico tra gli italiani, al fine di cavalcare l’egoismo e provare a tirar fuori il ‘peggio’ dalle persone.

In ogni caso, il primo punto della loro strategia è la negazione della pandemia da Covid 19, la quale sarebbe stata solamente un pretesto, o un fenomeno ingigantito, per poter chiudere l’Italia in quarantena per tre mesi e distruggere il tessuto commerciale di piccoli bottegai, baristi e commercianti al dettaglio. Che durante i 3 mesi di ‘lockdown’ siano state smontate almeno 4 ipotesi complottiste gravissime – virus ‘bioingegnerizzato’ dagli americani; sfuggito al controllo dei cinesi dal laboratorio di Wuhan; già presente e circolante da tempo, con tanto di brevetto; trasportato in Europa dalle onde magnetiche della rete 5G – già se lo sono dimenticato. Sono fatti così, i cari complottisti: quando ricordi loro tutte le ‘minchiate’ che hanno ‘sparato’, fanno finta di niente, confidando sulla scarsa memoria degli italiani. Sia come sia, l’intento attuale sembrerebbe esser quello di provocare una guerra tra poveri, negando la pandemia planetaria e fomentare l’antieuropeismo prima che la Ue cominci a sfoderare il ‘bazooka’ dei finanziamenti pubblici, rendendo, in tal guisa, poco comprensibile sostenere che essa non serva a nulla. In questo, questi nostri simpatici ‘narcisi’ sono già in ritardo, a dire il vero, perché gli italiani anche se ‘masticano’ poco di economia, hanno per lo meno compreso che, da più di qualche mese, Bruxelles sta acquistando i nostri titoli di debito, garantendoci la liquidità necessaria per mandare avanti uffici, ministeri, enti previdenziali, treni, autobus, aerei e corriere autostradali. Avendo tuttavia intuito la situazione, i ‘complottardi’ hanno cominciato a girare un altro film su come sarà questa nuova Europa: una matrigna cibernetica basata sulla legge del più forte, che ci farà lavorare tutti da casa e che ci indurrà a pagare ogni nostro acquisto con la moneta elettronica. Cosa, quest’ultima, che terrà sotto controllo sia il tasso di inflazione, sia l’evasione fiscale, ma che nella plumbea logica colpevolista dei complottisti rappresentano elementi che lasceranno sul terreno tutti coloro che non si adegueranno o che non ce la faranno.

Ora, allontanandoci per un momento da queste funeste previsioni macroeconomiche, di cui hanno sempre capito ben poco, in qualche caso per loro stessa ammissione (sul versante economico, l’allegro ‘cretinismo’ di Borghi è assai più pericoloso, poiché totalmente distruttivo), più recentemente si sono gettati a capofitto nella ‘fissazione sanitaria’. Contraddicendosi, tra l’altro, poiché se, da una parte, si sostiene che la pandemia da coronavirus sia stata esagerata per consentire a Giuseppe Conte – noto massone collegato con la mafia di San Gallo, con Papa Francesco e amico di Bill Gates – di condannarci agli arresti domiciliari per 3 mesi, dall’altra si vorrebbe dimostrare che i vaccini contro il Covid 19, già in fase di sperimentazione, serviranno soprattutto a iniettarci sottopelle dei ‘microchip’, per controllarci a distanza. Qualcuno di loro, un po’ più lucido degli altri, ha compreso come questa tesi sia alquanto azzardata. Ecco, allora, comparire un ‘Gran maestro’ laico e massone, che starebbe spingendo, per interessi tutti suoi, verso un’economia ‘green’ di stampo neonazista, che giudicherebbe l’uomo un fastidioso parassita del pianeta Terra e che, per questo motivo, odia tutti quanti. Costui è, ovviamente, il più potente di tutti: specula in borsa, acquistando o rivendendo ‘greenbond’ e ‘coronabond’; obbliga i vari capi di Stato a firmare incomprensibili trattati di ridimensionamento delle emissioni; insiste su una riconversione industriale di tutte le principali aziende mondiali sin dagli anni ’90 del secolo scorso, in alleanza con la finanzia ebraica e la lobby dei ‘gay’ e del movimento Lgbti. Peccato che sia proprio l’inquinamento ad aver generato molte vittime e che le poveri sottili siano state, nei mesi scorsi, i principali ‘tappeti volanti’ del coronavirus in tutto il mondo. Vabbè: liberarsi dalle contraddizioni non è l’anello forte della catena con cui costoro amano autoimprogionarsi all’interno della loro ‘caverna di Platone’.

Insomma, sostenendo che la pandemia non sia stata tale e che l’Europa voglia imporre la rete 5G, si giunge al passaggio successivo: l’emergenza sanitaria creata appositamente per accelerare i processi di globalizzazione previsti dall’Agenda 2030. In pratica, il Covid 19 ha permesso, in una ‘botta’ sola, di eliminare molti anziani e indigenti a carico di un welfare senza più risorse, al fine di generare nuove opportunità utilizzando la rete 5G, il blockchain e la moneta elettronica.

Insomma: questi sono gli elementi che stanno conducendo l’Italia verso il totalitarismo sanitario. Inutile narrare a quale tipo di manipolazione si stia arrivando, attraverso una critica da arteriosclerosi galoppante nei confronti della app ‘Immuni’: in pratica, non sono stati Zuckerbeg, Cambridge Analityca, Vladimir Putin, Boris Johnson e Donald Trump a rivendersi i profili Facebook di milioni di persone, bensì l’Unione europea, grazie a una serie di consensi richiesti ed espressi più volte sulle varie piattaforme, quelle social in particolare, ma non solo. Sconvolgente venire a sapere da alcune nostre fonti che tutto questo articolato disegno delle ‘lobbies’ e delle multinazionali internazionaliste, ebraiche e globaliste, in realtà sia stato immaginato da una ‘lobby’ vera e propria: una setta che da anni finanzia i gruppi omofobi di mezzo mondo; che accusa la cultura ‘gender’ e ‘transgender’ di non voler farci fare figli per finalità di sostituzione etnica; che si stia mirando al controllo delle nostre preferenze attraverso l’identità digitale, la quale ci farà diventare per forza clienti di qualcuno. Tutte paure impossibili da realizzare, se non saremo proprio noi a presentarci alle aziende che non ci conoscono con il nostro nome e cognome, che non hanno il nostro numero di cellulare, che non saranno in grado di sottoporci a esperimenti di massa se non saremo noi a dare il nostro consenso. Insomma, una serie di ‘fissazioni’ e fisime infinite, che in qualche caso sono generate da un profondo odio ideologico e antidemocratico. Come nel caso della signora De Mari, la quale, ancora oggi, sostiene che il Pd abbia, come obiettivo primario del suo programma, quello di strappare i bambini alle loro rispettive famiglie, per affidarli a gruppi di stravaganti assistenti sociali, se non di pedofili veri e propri; in altri casi, invece, siamo di fronte a una profonda psicosi repressiva e depressiva, che conduce alcune persone a creare labirintici disegni complottisti, che coinvolgerebbe tutti: dai Clinton agli Obama; da Soros a Bill Gates; da Papa Francesco alla massoneria laica, che vuole distruggere le religioni. Un obiettivo, quest’ultimo, che in effetti il sottoscritto accarezza con affetto, per via dei miei personalissimi rapporti con gli alieni. I quali, nei complotti ci sono sempre e vanno bene su tutto e, quindi, questa volta ce li mettiamo noi. Anche perché è vero che, una sera, il generale Pappalardo li ha incontrati nelle campagne al confine tra Lazio e Abruzzo: quel che il nostro ex ufficiale dei Carabinieri non ha mai capito è che gli alieni, quella sera, non erano lì per vedere lui…

 

(5 giugno 2020)

©gaiaitalia.com 2020 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 





 

 

 

 

 

 

 




POTREBBERO INTERESSARTI

4,637FansMi piace
2,370FollowerSegui
119IscrittiIscriviti
Pubblicità

ULTIME NOTIZIE

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: