23.2 C
Roma
lunedì, Settembre 27, 2021

Il tifo sfegatato e un po’ volgare per Renzi che fa male a Renzi

Foto: Fabio Cimaglia / LaPresse

di E.T. #Politica twitter@gaiaitaliacom #ItaliaViva

 

La differenza tra il cantarle chiare e l‘offesa personale e volgare non è affatto sottile, anzi. Lo so perché sono uno che le canta chiare e nei denti, ma non ho mai offeso personalmente con epiteti volgari nessuno. Si offendono loro, da soli. Ma questa è un’altra storia.

Leggo quindi con un certo sconcerto, e lo faccio per motivi professionali e non per provare un sottile piacere che non cerco certo in quelle sedi, il tifo volgare, da stadio e troppo spesso condito da insulti personali, che la tifoseria renziana rivolge agli avversari politici, agli ex compagni di partito del PD – diventati improvvisamente nemici – in un esercizio che troppo da vicino ricorda le volgarità leghiste dei pro-Salvini che sono state troppo spesso contestate per poter anche essere imitate. Evidentemente, e cerco di precedervi, ognuno ha il diritto di esprimersi come vuole, dentro i limiti della decenza e del rispetto. Appunto. Della decenza e del rispetto. Una decenza ed un rispetto che molto spesso non ritrovo in coloro che ora, scatenatisi intorno alla belva PD, partito per il quale non voterei certamente oggi per dirla chiara, ritengono di fare del bene ala nuova creatura politica chiamata Italia Viva scatenando la stessa caciara che lo staff di Salvini scatenava contro gli avversari.

Mancano le menzogne, ma per quelle bisogna essere predisposti. E di menzogne non si sente il bisogno, ma alcuni commenti, anche ai nostri articoli pubblicati nei gruppi di tifoseria renziana, troppo spesso scivolano nell’adesione acritica al pensiero renziano, così acritica che siamo sicuri non piacerebbero nemmeno a lui.

In ultima analisi, e in chiusura, questo tifo sfegatato e un po’ volgare per Renzi non può che far male a Renzi, che di ulteriori nemici, quelli che si scatenano contro chi è troppo osannato, non ha di certo bisogno. E’ bravissimo a procurarseli da solo. Succede quando si parla chiaro e nei denti. Credetemi, lo so. E, personalmente, e indipendentemente dal mio voto presunto, la volgarità la lascerei a Travaglio.

 

 

(8 ottobre 2019)

©gaiaitalia.com 2019 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 

 


 

 

 

 

 

 

 




POTREBBERO INTERESSARTI

4,637FansMi piace
2,370FollowerSegui
119IscrittiIscriviti
Pubblicità

ULTIME NOTIZIE

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: