Pubblicità
sabato, Aprile 20, 2024
11.1 C
Roma
11.4 C
Milano
Pubblicità
PubblicitàBritish School Banner 2023

POLITICA

PubblicitàLancio Master 2023 Limited Edition

ESTERI

Pubblicità
Pubblicità
HomeCopertinaL'omofobia di stato in Russia ammazza l'attivista LGBTI Yelena Grigoriyeva

L’omofobia di stato in Russia ammazza l’attivista LGBTI Yelena Grigoriyeva

GAIAITALIA.COM NOTIZIE anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

di Paolo M. Minciotti #LGBTI twitter@gaiaitaliacom #NoOmofobia

 

A San Pietroburgo, la città con la quale la Sindaca Appendino che presenzia a tutti i Gay Pride aveva lanciato un possibile gemellaggio, è stata ammazzata a coltellate l’attivista LGBT Yelena Grigoriyeva. L’omofobia di stato ignorata da Putin, amico di Salvini, ha colpito ancora.

Il suo corpo senza vita è stato ritrovato vicino alla sua abitazione con segni di strangolamento e ferite da accoltellamento, almeno otto pugnalate. Il nome di Yelena Grigoriyeva appariva su un sito internet da poco bloccato dalle autorità [sic]che istigava ad aggredire gli omosessuali. Grigoriyeva aveva ricevuto numerosissimo minacce di morte.

L’orribile omofobia russa ha ucciso ancora. Ci riflettano gli e le omosessuali italiane affascinate dai partiti pro-Putin ai quali danno incoscientemente il loro voto.

 

 

(23 luglio 2019)

©gaiaitalia.com 2019 – diritti riservati, riproduzione vietata

 


 





 

 

 

 

 

 




 

Pubblicità

LEGGI ANCHE