Pubblicità
venerdì, Aprile 19, 2024
13.8 C
Roma
11.4 C
Milano
Pubblicità
PubblicitàBritish School Banner 2023

POLITICA

PubblicitàLancio Master 2023 Limited Edition

ESTERI

Pubblicità
Pubblicità
HomeCopertinaLa Guardia Costiera marocchina spara ai migranti e uccide una ventenne

La Guardia Costiera marocchina spara ai migranti e uccide una ventenne

GAIAITALIA.COM NOTIZIE anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

di G.G. #Migranti twitter@gaiaitaliacom #Marocco

 

 

Una vera e propria sparatoria quella avvenuta al largo di M’ndiq, il 25 settembre scorso, il cui bilancio è di una ventenne morta e di tre feriti. Tutti marocchini. Uccisi dalla Guardia Costiera del proprio paese. Questo perché i militari “abituati” [sic] al passaggio di subsahariani hanno fatto invece il tiro al piccione (scusate non è mancanza di rispetto, è orrore) con loro connazionali in una reazione che l’opinione pubblica e la stampa – per la maggior parte asservita al potere, perché di proprietà della monarchia – ha giudicato come “sporporzionata”. perché viviamo nel mondo dell’understatement.

I marocchini si sono così accorti che i loro connazionali scappano anche dal Marocco, clandestinamente, come subsahariani qualunque.

La vittima era una studentessa di legge e aveva 20 anni. Gli altri tre marocchini, soltanto feriti, hanno 26 anni, 25 e 32 anni a sono ricoverati a M’diq. Le autorità della Marina Reale spiegano che il barcone non era “chiaramente visibile e riconoscibile”, che non si capisce bene cosa significa: non si vedeva che c’erano persone a bordo e non si è riconosciuta la loro nazionalità quindi avere sparato a marocchini è un disastro nazionale mentre se si fosse sparato a subsahariani forse non l’avremmo nemmeno saputo?

Facciamo orrore e ci pensiamo umani.

 




 

(27 settembre 2018)

©gaiaitalia.com 2018 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

Pubblicità

LEGGI ANCHE