Home / Copertina / Matteo Renzi mette KO il Vate Grillo sul web

Matteo Renzi mette KO il Vate Grillo sul web

di Il Capo

 

 

 

 

Il Vate del Sacro Blog ha commesso un passo falsissimo, come le sue bufale, ed ha forse messo inconsapevolmente fine all’epoca nella quale il Re Beppe Grillo monopolizzava il web, social in primis, forte di un seguito di adepti numerosissimo. Sabato 4 marzo quel mattacchione di Matteo Renzi, che ha sette vite come i gatti, sembra avere assestato un colpo durissimo al Vate di tutte le Bufale. Nonostante l’enorme numero di seguaci su Facebook e Twitter, Grillo ha infatti subito un duro colpo.

 

Parliamo della forza mediatica scatenata dalla risposta al guitto pregiudicato dell’ex premier, la famosissima (100mila like su Facebook, 6mila miseri like quelli di Grillo al suo post) lettera di risposta agli insulti personali del comico genovese all’indirizzo di Renzi padre ed alle insinuazione sul rapporto padre-figlio. Anche su Twitter le cose non sono andate benissimo al guitto della traversata del canale di Sicilia a nuoto, mentre invece sono andate assai meglio all’ex premier. Ora non stiamo scrivendo che i like si trasformino in voti, sennò non si spiegherebbe come mai Luigino di Maio è in parlamento con 189 preferenze – miracoli del Porcellum – ma se è vero che i post “sono la pancia” del paese allora l’aria parrebbe cambiare: l’ex premier raccoglie infatti quasi il 90% di commenti positivi nei suoi confronti mentre il Guru della Casaleggio un impressionante numero di commenti negativi.




Merito dell’ex premier e della sua nuova “umanizzazione” (ché parlare della disumanizzazione di Grillo, è come uccidere un morto)? Possibile. Vero è che mentre i soliti mediani di sfondamento zoppi, investiti da Grillo della missione di fingersi preparati sulla tivà amica nota come La7, fanno bella mostra dallo schermo della loro incultura, della loro protervia ed ignoranza – parliamo dei vari Di Maio e Di Battista – la squadra formatasi spontaneamente attorno a Matteo Renzi per sostenerlo (Marcucci, Scalfarotto, Morani, Nannicini e le nuove leve Cinà, Leonardi, Casellato) anche attraverso le “condivisioni” e i retweet sta cominciando a dare frutti inaspettati erodendo consenso al Principe delle Bufale del Web a discapito di un blog dove ha sede un movimento che non deve nemmeno presentare rendicontazioni. Ed ha il coraggio di fare la morale a tutti gli Italiani.

 

 

 

(5 marzo 2017)

 




 

 

 

 

 

©gaiaitalia.com 2017 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 

Comments

comments

gaiaitalia.com

x

Check Also

“Ti facciamo abortire negra di m…”, l’allegra giovane coppia formata da lei e lui esempio di odio razzista

Share this on WhatsAppdi Giancarlo Grassi, twitter@gaiaitaliacom     Eccoli là sull’autobus a Rimini, in tempo di vacanze, lei 19enne, lui 22enne. Una mano si infila abile e silenziosa in una borsa e ne estrae un cellulare. La proprietaria, una donna africana che aspetta un bambino, se ne accorge e ...

Attentato a Barcellona: dodici morti e sessantaquattro feriti. Due arresti e due ricercati

Share this on WhatsAppdi G.G., twitter@gaiaitaliacom     (aggiornamento 17/08/2017, ore 20.00) Sono almeno dodici i morti nell’attentato islamista che ha colpito Barcellona attorno alle 17.00 del 17 agosto. Secondo alcune notizie i terroristi sarebbero asserragliati in un bar. Altre notizie smentiscono questa versione. I Mossos D’Esquadra riferiscono con un ...

Il PIL è aumentato “Perché ha fatto caldo”: Barbara Lezzi del M5S è da Premio Ignobel

Share this on WhatsAppdi Giovanna Di Rosa, twitter@gaiaitaliacom   Lei è la “stellare” esponente del M5S Barbara Lezzi, profonda conoscitrice dell’economia e dei suoi meccanismi, deputata nel parlamento italiano per volere del Sacro Blog, l’ennesima miracolata per intenderci, che in mezzo alla calura ferragostiana, colta da subitaneo fragore neuronico dopo ...

Il “non sono razzista, la mia ragazza è straniera”, sostituisce l’obsoleto “ho tanti amici gay”

Share this on WhatsAppdi Il Capo, twitter@gaiaitaliacom     Un tempo erano di moda dire “Io non ho niente contro i gay, ho tanti amici gay“, specializzato nella locuzione il triste senatore Giovanardi così terrorizzato dall’idea di finire all’inferno che gli toccherà finirci sul serio; era come quando si diceva ...

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne clicca su "leggi di più". Questo sito utilizza cookies di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi