17.1 C
Roma
18.6 C
Milano
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

POLITICA

PubblicitàLancio Master 2023 Limited Edition

ESTERI

Pubblicità
HomeLGBTIQ+Africa & Maghreb lgtbUganda, non passa il "Kill the gay Bill", ma l'omosessualità punita con...

Uganda, non passa il “Kill the gay Bill”, ma l’omosessualità punita con l’ergastolo

Pubblicità
GAIAITALIA.COM NOTIZIE anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

Uganda Flagdi Federica

Il giorno successivo all’allontanamento di 20 ragazze presuntamente lesbiche da scuola per impedire loro di “contagiare” le loro compagne il governo dell’Uganda non potendo varare la pena di morte per gli omosessuali ha varato la pena di morte civile: a chi consuma rapporti omosessuali consenzienti verrà infatti commincato l’ergastolo.

Una legge vergognosa, ingiustificata ed ingiustificabile, frutto di manovre di potere con la complicità di certi integralisti evangelici americani, dei quali abbiamo abbondanetemente aprlato sulle nostre pagine, dalla nostra nascita.

Frank Mugisha, attivista gay ugandese, ha commentato “da oggi sono ufficialmente nella clandestinità da cittadino innocente”. Furiosi gli Stati Uniti che pensano a pesanti embarghi economici nei confronti del paese.

Il bando degli omosessuali è stato proposto affinché l’omosessualità “veicolata dall’Occidente, dato che non esiste in Africa”, non facesse vittime [sic] tra i “bambini”, sotto la minaccia quitidiana [sic] della “pericolosa perversione”.

 

 

 

 

©gaiaitalia.com 2013
diritti riservati
riproduzione vietata

[useful_banner_manager banners=41 count=1]

 

 

 

 

Pubblicità

LEGGI ANCHE