Pubblicità
12.8 C
Roma
7.8 C
Milano
Pubblicità
PubblicitàBritish School Banner 2023
PubblicitàLancio Master 2023 Limited Edition
Pubblicità
Pubblicità
HomeCoherentia et honestateE poi ci sono quelli vicini ai condannati in primo grado con...

E poi ci sono quelli vicini ai condannati in primo grado con la legge sulla legittima difesa che hanno modificato loro

Curioso no che sia la stessa persona che ha fatto modificare la legge sulla legittima difesa a prendersela con la legge sulla legittima difesa dicendo va cambiata… ma in Italia succede anche questo: il leader politico or ministro or no se n’è appena uscito, tra le altre uscite, tra una Firenze e un’AFD, con la vicinanza umana al condannato in primo grado (tre i gradi di giudizio in Italia, fino alla condanna definitiva si è innocenti) è infuriato con la legge sulla legittima difesa che lui stesso ha contribuito a votare: era il 2019 e il governo era quello favoloso con la Lega e il M5S.

Era marzo e la modifica della legge aggiungeva una parola – sempre –  tra «la difesa» ed «è legittima». La legge non prevedeva, immaginiamo, l’inseguimento fuori dal negozio di chi aveva assaltato la sua attività a Grinzane Cavour (Cuneo) il 28 aprile 2021,  freddandoli a colpi di pistola e accanendosi a calci su uno dei cadaveri. Ma è un dettaglio e la propaganda non si sofferma sui dettagli, ricorderete la questione Massimo Adriatici o quell’altro da Macerata che ha sparato da un’auto – che classe! – contro gli africani, perché deve già prepararsi per la prossima volta.

Lui, Salvini, c’ha provato: ha provocato poche, pochissime, quasi nulle reazioni nel popolo che invoca ad ogni respiro. Così se n’è stato zitto. Perché c’è tanto altro su cui fare propaganda.

 

 

(6 dicembre 2023)

©gaiaitalia.com 2023 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 

 





 

 

 

 

 

 



In Evidenza