Pubblicità
13.2 C
Roma
10.5 C
Milano
Pubblicità
PubblicitàBritish School Banner 2023

POLITICA

PubblicitàLancio Master 2023 Limited Edition

ESTERI

Pubblicità
Pubblicità
HomeNotizieBolognaBologna. “Daspo Willy” per tre giovani

Bologna. “Daspo Willy” per tre giovani

Articolo precedente
Articolo successivo
GAIAITALIA.COM NOTIZIE anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

Nella notte dello scorso 24 settembre 2023 gli operatori della Polizia di Stato, a seguito di una segnalazione per la presenza di soggetti molesti, si portavano nei pressi di un locale situato in via Sampieri.

Giunti sul posto identificano tre giovani (due del ‘97 e uno del ‘99) che facevano resistenza nei confronti del personale operante e si rivolgevano agli stessi con frasi oltraggiose. Dagli accertamenti effettuati risultava che i giovani erano stati già segnalati all’autorità giudiziaria per comportamenti analoghi. Data la necessità di prevenire e contrastare l’insorgere di fenomeni criminosi o di illegalità, in data 26.9.23 i poliziotti della Divisione Polizia Anticrimine della Questura di Bologna notificavano a tutti i soggetti il D.AC.UR (Divieto di accesso alle aree urbane), emesso dal Questore di Bologna. Il provvedimento conosciuto come “Daspo Willy” è una norma approvata all’interno dei Decreti sicurezza nel 2020. La finalità della norma è quella di punire la “movida violenta”.

Il “Daspo Willy” consiste nel divieto di accesso ai pubblici esercizi per i protagonisti di disordini o atti violenti che abbiano riportato una o più denunce o una condanna non definitiva, nel corso degli ultimi tre anni, per uno dei reati di cui all’art 13 bis D.Lg. 14/2017, tra i quali appunto figurano i reati di rissa e rissa aggravata. Per risultare destinatari di tale misura di prevenzione non serve dunque aver riportato una condanna definitiva negli ultimi tre anni, essendo sufficiente anche solo una denuncia nel medesimo arco temporale.

 

 

(1 ottobre 2023)

©gaiaitalia.com 2023 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

 

 

 

 



Articolo precedente
Articolo successivo

LEGGI ANCHE