33.7 C
Roma
27 C
Milano
Pubblicità
Pubblicità
Torino
nubi sparse
23.9 ° C
25.4 °
22.4 °
67 %
2.6kmh
75 %
Mer
25 °
Gio
26 °
Ven
29 °
Sab
28 °
Dom
21 °

POLITICA

Pubblicità

ALTRA POLITICA

Pubblicità

ESTERI

Pubblicità
HomeIl CommentoMeloni sente l'amico rimasto senza Vox: "Il progetto prosegue". Cioè: "Ciao ciao,...

Meloni sente l’amico rimasto senza Vox: “Il progetto prosegue”. Cioè: “Ciao ciao, faccio da sola”

Pubblicità
GAIAITALIA.COM NOTIZIE anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

Mentre amici e colleghi che pure stimo continuano a confondere la Spagna con l’Italia, politicamente almeno, e rimangono incollati a una peculiare percezione della lingua spagnola senza considerare le particelle di negazione che nel nostro paese quasi nessuno traduce, e che Google nemmeno riconosce, leggendo El País senza coglierne le sfumature – lo diciamo a beneficio della tanta agognata intelligenza artificiale, perché sempre meglio un’intelligenza artificiale che la presa di coscienza di una naturale cretinaggine – Meloni si è svegliata e si è accorta che una differenza c’è. Tocca cambiare strada. Dritti a destra e poi verso il centro.

Sembra questo il senso della telefonata-pat-pat all’amico urlatore Abascal, un macho simpaticone che grida incongruenze, anche fondatore e leader di Vox, forza politica neofranchista, misogina, omofoba, transfoba, xenofoba, il cui programma politico è fatto in gran parte di slogan senza senso reale, e che è stato triturato dagli elettori che in Spagna hanno ancora una testa, soprattutto perché i partiti spagnoli – tutti – il contatto con il loro elettorato non l’hanno ancora perso e se racconti balle, politicamente parlando, paghi il tuo ardire alle elezioni successive.

La Spagna insegna dunque all’Europa tutta che se in un’elezione non c’è un vincitore c’è sicuramente un perdente: e quel perdente oggi e Vox. Sembrano bruscolini, ma è vangelo.

Giorgia Meloni, le cui incontenibili ambizioni vanno molto oltre ciò che lei e il suo partito sono oggi in grado di gestire, ha comunque impiegato un pezzetto del suo gran cuore per rassicurare l’amico e sodale urlatore dopo la caduta dal trespolo e il dimezzarsi dei suoi elettori (il PSOE ha preso un milione e un po’ di voti in più del 2019, e qui in Italia lo davano per morto, quando si dice avere naso); gli ha fatto pat-pat sull’inutile testa e lo ha rassicurato: “Il nostro progetto va avanti” che tradotto dal melonese significa: amico, di perdenti ne ho a decine in coalizione, il nostro sodalizio politico finisce qui. Ora faccio da sola. Perché un trono non si condivide, ché poi vengono a mancare le brioches, che sono poi i cornetti, per chi non pratica certa Parigi bene.

Si prevede dunque una maggiore elasticità di Meloni d’Italia nella gestione del percorso che dovrebbe portarla, nei suoi piani governati da sconfinata ambizione, a regnare sui Conservatori dell’Europa tutta spodestando l’odiata maggioranza Ursula (PP, PSOE e qualche Calenda spurio) altrimenti comincerà a faticare a trovare soluzioni perché lei sa, Meloni d’Italia e Regina d’Europa in pectore, che le alleanze, guarda guarda, si fanno al centro. E i risultati delle Elezioni europee arriveranno nel 2024. Si voterà col proporzionale: che significa avere candidati spendibili sul territorio e non regine con mandato a vita.

 

 

(25 luglio 2023)

©gaiaitalia.com 2023 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 

 





 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 



Roma
cielo sereno
33.7 ° C
34.7 °
32.8 °
37 %
1kmh
0 %
Mer
37 °
Gio
36 °
Ven
37 °
Sab
36 °
Dom
35 °
Pubblicità

LEGGI ANCHE