Torna Lollobrigida mai sazio di gloria: “Esiste una etnia italiana da tutelare”

Leggi di più

Dal 3 giugno a Genova è “Liguria Pride”

Otto giorni per tantissimi eventi fino alla parata del 10 giugno con partenza alle 15

CONDIVIDI

di Daniele Santi

Lollobrigida è ormai una garanzia di scivoloni, dalla “sostituzione etnica” ad affrontare le critiche “con superiorità” [sic] all’ennesima uscita indimenticabile sulla “etnia italiana”. Per essere certo di non sbagliare si è affidato alla Treccani, citandola. A sproposito, perché persino la citazione è una cosa seria. La definizione di etnia, infatti, esula quasi totalmente da quanto affermato dall’augusto cognato, anche ministro.

La citazione corretta sarebbe, infatti:

Nell’antropologia della fine del 19° sec., raggruppamento umano (dal gr. ἔθνος «razza, popolo») distinto da altri sulla base di criteri razziali, linguistici e culturali. Tale definizione, tuttora impropriamente ma correntemente usata, è stata sottoposta a radicale revisione dall’antropologia contemporanea,

c’è anche altro. Leggetelo qui.

E vorremmo sottolineare a lettrici e lettori che il riferimento antropologico è al 1800, a dimostrazione che questa destra quando parla di futuro guarda al passato, si confonde e finisce per non sapere cosa dire. Nemmeno quando parla di famiglia.

In soccorso del Lollobrigida nazionale è persino arrivato Giorgetti, “Perderemo il 18% di Pil da qui al 2042”, se non trombate come ossessi e vi mettete a fare figli. Entrambi i fini statisti, e l’assai meno fine Roccella, hanno dimenticato di dire agli italiani come manterranno i figli frutto di tante ossesse trombate perché i figli, signori ministri da quindicimila euro al mese che non siete in grado di citare correttamente nemmeno ciò che leggete, vi sveliamo un segreto, hanno il pessimo vizio di mangiare, vestirsi, e avere esigenze. Se il paese non offre alle famiglie risorse e lavoro sufficienti per crescerli quei figli diremmo che si può anche chiuderla lì con questa propaganda inaccettabile (e insopportabile).

C’è un altro dato, cui tanto l’augusto cognato che è anche ministro quanto Giorgetti hanno dimenticato di fare riferimento: in Italia fanno meno figli perfino gli stranieri, notoriamente più fertili, perché anche i figli degli stranieri, vi sveliamo un segreto, mangiano.

Insomma difendano a parole “l’etnia italiana” quanto vogliono queste destre che spiano dal buco della serratura le camere da letto cercando di capire perché non si fanno figli. Se invece di guardare sotto le coperte si guardassero attorno troverebbero anche risposte sensate. Con tutto il rispetto per le camere da letto.

 

(11 maggio 2023)

©gaiaitalia.com 2023 – diritti riservati, riproduzione vietata