Stefano Bonaccini le canta chiare in televisione, fin troppo per questo PD

Leggi di più

Bologna, dodici misure cautelari tra appartenenti al Collettivo Universitario Autonomo e Laboratorio Cybilla

di Redazione Bologna Questa mattina la DIGOS della Questura di Bologna ha eseguito su disposizione della locale Procura della Repubblica, nella persona del Procuratore Capo dott. Giuseppe Amato e del dott. Antonio Gustapane, titolare delle indagini, 12 misure cautelari, emesse dal G.I.P. del Tribunale di Bologna, dott. Claudio Paris, a carico di altrettanti appartenenti del Collettivo […]

Volpi e Garozzo consegnano il fioretto alla Città di Torino

di Redazione Torino Il Grand Prix FIE TROFEO INALPI incorona Torino capitale mondiale del fioretto nell’ambito della prima prova del calendario GRAND PRIX SERIE 2023 di fioretto maschile e femminile in programma al Pala Alpitour dal 10 al 12 febbraio, Alice Volpi e Daniele Garozzo consegneranno il fioretto al sindaco Stefano Lo Russo e all’assessore allo Sport e […]

Tragedia sul lavoro nel cantiere del Terzo Valico a Voltaggio: muore un 33enne

di Redazione Alessandria Tragedia nel cantiere del Terzo Valico a Voltaggio, nell’Alessandrino attorno all’una di notte del 7 febbraio. Uno scoppio, dovuto probabilmente a una fuga di gas, e la fiammata che ne è seguita, ha provocato la morte di un operaio e il ferimento di un altro operaio. La vittima è un uomo di 33 anni, calabrese, in […]

Il Parco nazionale dell’Appennino tosco-emiliano è il primo in Europa con doppia certificazione FSC e PEFC per la gestione forestale sostenibile e i servizi...

di Redazione Bologna In Italia i boschi arrivano a coprire il 37% del territorio: un grande valore che deve però essere gestito in maniera opportuna[1]. È infatti necessario tutelare il patrimonio forestale e arboreo italiano a 360 gradi, tenendo conto dei suoi “servizi ecosistemici”, ovvero i benefici multipli forniti dagli ecosistemi al pianeta e al genere […]

CONDIVIDI

di Daniele Santi

Lucido e freddamente aggressivo, fin troppo in alcuni momenti, Stefano Bonaccini ospite di Corrado Formigli a Piazza Pulita non ha fatto mancare nulla al suo partito, mettendo i puntini sulle “i” anche quando la circostanza – o la battuta – avrebbero suggerito maggiore compassione. La battaglia è all’ultimo sangue, e Bonaccini lo sa.

Non lo sanno Padellaro e compagnia che pensavano, almeno ieri sera perché non si sa mai quanto dura un pensiero in questo paese, di avere a che fare con il solito candidato alla guida del PD. Chi non conosca bene la storia del presidente dell’Emilia-Romagna non sa quanto profonda sia la conoscenza di quel partito e delle sue fin troppo perverse dinamiche, dell’attuale candidato alla segreteria del partito. Bonaccini stava già lì quando esisteva ancora una cosa chiamata Sinistra Giovanile ed aveva le idee chiarissime anche allora. Dotato di una carica di umanità inimmaginabile per chi non lo conosca bene, in politica è tanto spietato quanto capace di costruire alleanze che ad altri non escono. In più, lo si nota, non è uno che le manda a dire. Perché non ci può essere solo Calenda a sbraitare sentenze.

Dunque al di là della prudenza del candidato che si è guardato bene dal cadere nella trappola del “Cosa farete” e “Quali alleanze rincorrerete” che è il mainstream dell’informazione mainstream che gioca ad essere alternativa e che si stupisce (fintamente) che già da ora Bonaccini voglia fare sintesi cercando alleati interni anziché andare alla guerra – che in questo paese è sempre una guerra finta, che finge di guerreggiare perché tutto rimanga com’era. Volendo sottilizzare risultava evidente dal dibattito che Bonaccini va benissimo ed è assai apprezzato come uomo di governo, ma sta già un po’ sui coglioni come segretario (possibile) del PD. E lui si prende il rischio sparando un paio di bordate (che sa di poter sparare, tanto si è ormai alla camera a gas).

Così si sorride scrivendo che se la rifondazione del PD e dell’opposizione sono fatti necessari, non sarebbe male una rifondazione dell’informazione che da un paio di decenni ruota attorno al voler dirottare il dibattito verso la linea editoriale del giornalista, o della trasmissione, o dell’editore. O di tutti e tre: (ché son tutti geni e scienziati e schiavi dello stai a sentire che domanda ti faccio mo’)….

 

 

(2 dicembre 2022)

©gaiaitalia.com 2022 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

 

 



%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: