Pubblicità
venerdì, Aprile 19, 2024
18.9 C
Roma
17.2 C
Milano
Pubblicità
PubblicitàBritish School Banner 2023

POLITICA

PubblicitàLancio Master 2023 Limited Edition

ESTERI

Pubblicità
Pubblicità
HomeCoherentia et honestateDi 5500 euro per rimborsi tablet e tecnologie (che per molti italiani...

Di 5500 euro per rimborsi tablet e tecnologie (che per molti italiani sono 12 mesi d’affitto). Che vergogna….

GAIAITALIA.COM NOTIZIE anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

di Daniele Santi

Tra tutte le misure che farebbero gridare di stupore, se si avesse ancora voce per (e voglia di) gridare, la più vergognosa è senza dubbio quella che riguarda i 5.500 € che i parlamentari neoeletti si regalano a titolo di rimborso spese per l’acquisto di cellulare, tablet, pc e apparecchi elettronici. Acquisti che, se abbiamo letto bene, dovrebbero già essere stati fatti.

Conosciamo numerose persone che hanno una spessa d’affitto mensile di 500 € che significa che con i 5.500 € di rimborso che le signore e i signori parlamentari si prendono (denaro pubblico) questi numerosi conoscenti pagherebbero un anno d’affitto. Non stiamo facendo i conti in tasca a chi sta a Roma comodamente assiso, stiamo facendo i conti con la loro mancanza di decenzapudore. La misura è un inno alla casta e un insulto alla povertà, ne prendano atto, ma secondo Paolo Trancassini di Fratelli d’ItaliaAlessandro Manuel Benvenuto della Lega e Filippo Scerra del Movimento 5 Stelle il bonus soddisferà le “esigenze individuali di aggiornamento tecnologico”. Il bonus è aumentato rispetto alla scorsa legislatura, quando era di 2.500 € e i beni rimborsabili sono computer portatili, tablet, cuffie come le Airpods di Apple (indispensabili come il pane), monitor fino a 34 pollici. Lo scrive Open Online.

Per la cronaca, e per tenerselo in mente, 5.500 € per 400 parlamentari fa un totale di € 2.200.00 di denaro pubblico investito in rimborsi per tecnologia che verrà usata anche per fini privati. Questo mentre milioni di italiani non possono pagarsi le bollette a meno di non pagare l’affitto o di ridurre i consumi o mangiare alimenti a buon mercato (cioè di bassa qualità) e i bonus a lavoratori e pensionati per le bollette è di 500 €. Ché la giustizia sociale è una cosa seria.

 

 

(30 novembre 2022)

©gaiaitalia.com 2022 – diritti riservati, riproduzione vietata

 




 

 

 

 

 

 

 

 



Pubblicità

LEGGI ANCHE