Home / Coherentia et honestate / Il giorno in cui Vito Crimi disse che bisogna “lasciare spazio alla competenza” evitando allo stesso tempo di dimettersi…

Il giorno in cui Vito Crimi disse che bisogna “lasciare spazio alla competenza” evitando allo stesso tempo di dimettersi…

di Daniele Santi #Politica twitter@gaiaitaliacom #maiconilM5S

 

Vito Crimi, il nuovo nume tutelare del M5S in liquefazione, o in disfacimento, come preferite, ha avuto ieri l’ottima idea di dire che questo è il momento in cui “bisogna lasciare spazio alla competenza”. Purtroppo alla sua saggia dichiarazione non hanno fatto seguito le sue dimissioni e la sua conseguente sparizione dal panorama politico italiano.

E’ la dimostrazione che al fascino dell’incapacità non si sfugge, soprattutto dopo che si è caduti nella trappola di votarla pensandola scienza, e che il pentastellutismo che si crede qualcosa è il vero virus che ha colpito l’Italia, indolore e insapore. Ma pericolosissimo. Addirittura venefico. Oseremmo dire. A quel fascino non sfugge nemmeno chi la protagonizza (scuserete l’ispanismo) e chi ritiene, a torto, e proprio grazie, o a causa, di quell’incapacità di essere diventato qualcuno nonostante sappia di poco. Per non dire di nulla. A parte quello che ha studiato.

Dunque il M5S in putrefazione, o liquefazione che dir si voglia, in totale ed assoluto silenzio dall’inizio della crisi del Coronavirus – figurarsi, l’unico rimedio al coronavirus sarebbe un vaccino, e loro, i pentadementi antivaccinisti, vorreste anche che parlassero? – ha affidato a Crimi il prode, già rimosso dalla dirigenza del M5S quando insieme a Roberta Lombardi venne eletto quale portavoce alla Camera senza colpo ferire, protagonista del riposino più fotografato della storia della Repubblica, si dà alle dichiarazioni distensive, suadenti e incredibili – nel senso che non ci si crede.

Altra cosa sarebbe se il buon Crimi insieme ai suoi compari dell’incompetenza e dell’immobilità, immediatamente dopo la dichiarazione “bisogna lasciare spazio alla competenza”, si fosse dimesso e gli altri in massa, e in massa avessero lasciato Camera e Senato prima che a buttarli fuori sia l’inevitabile destino. Così avrebbero realmente combattuto la Casta che odiavano e della quale sono diventati i rapidi, ed assai peggiori, sostituti, dando un colpo all’incompetenza che imperversa nel paese, soprattutto grazie a loro che da incompetenti in Parlamento sono entrati e da incompetenti ne usciranno. Certo, con un gran conto in banca.

Che è sempre il miglior curriculum.

 

(25 febbraio 2020)

©gaiaitalia.com 2020 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 




Share and Enjoy !

0Shares
0 0 0

Comments

comments

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne clicca su "leggi di più". Questo sito utilizza cookies di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi