24.1 C
Roma
20.6 C
Milano
Pubblicità
Pubblicità
Torino
pioggia leggera
14.9 ° C
16.5 °
14.3 °
90 %
3kmh
86 %
Sab
17 °
Dom
19 °
Lun
20 °
Mar
22 °
Mer
27 °

POLITICA

Pubblicità

ALTRA POLITICA

Pubblicità

ESTERI

Pubblicità
HomeCopertinaProtesta con l'arbitro contro i cori razzisti: è prima ammonito poi squalificato....

Protesta con l’arbitro contro i cori razzisti: è prima ammonito poi squalificato. Il calcio è una vergogna

Pubblicità
GAIAITALIA.COM NOTIZIE anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

di Giancarlo Grassi

 

 

 

 

Il giocatore del Pescara Muntari, di origine ghanese, è protagonista di uno degli episodi che meglio raccontano lo squallore profondo nel quale il nostro calcio, è sprofondato insieme a troppi tifosi deficienti. Durante la partita Cagliari-Pescara il giocatore è stato tempestato di cori razzisti, tanto che è andato a protestare con l’arbitro che nulla aveva fatto per (almeno tentare) di calmarli.. Facendo l’arbitro orecchie da mercante alle sue proteste, ed anzi essendo ammonito, Muntari ha abbandonato il campo. Non solo è stato ammonito, lo era già stato prima, ma per la doppia ammonizione è stato squalificato. Non solo preso in giro con cori razzisti da tifosi incolti, cialtroni, ignoranti e beceri, ma anche dalle regole di una Lega che, in sfregio agli spot della UEFA contro il razzismo, invece di squalificare il campo del Cagliari, colpevole di dare spazio a ciurmaglia da due soldi, squalifica la vittima del razzismo che soffre del razzismo due volte. E’ veramente uno schifo.

In difesa del giocatore si è mossa anche l’ONU ma alla FIGC di Tavecchio ed alle sue regolette da calcetto parrocchiale per balilla è interessato assai poco.




(2 maggio 2017)

 

 

 

 

©gaiaitalia.com 2017 – diritto riservati, riproduzione vietata

 



 

 

 

Roma
cielo sereno
24.1 ° C
26.2 °
21.9 °
47 %
1.5kmh
0 %
Sab
28 °
Dom
28 °
Lun
31 °
Mar
35 °
Mer
36 °
Pubblicità

LEGGI ANCHE