Pubblicità
27.7 C
Roma
27.6 C
Milano
domenica, Aprile 14, 2024
Pubblicità
PubblicitàBritish School Banner 2023

POLITICA

PubblicitàLancio Master 2023 Limited Edition

ESTERI

Pubblicità
Pubblicità
HomeCoherentia et honestateLe comunarie di Palermo del M5S: votano in 524 in nove ore

Le comunarie di Palermo del M5S: votano in 524 in nove ore

GAIAITALIA.COM NOTIZIE anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

di Giovanna Di Rosa

 

 

 

 

 

 

L’evento che ha turbato la tranquillità cittadina scatenando orde di votanti con file di ore ed ore persino negli Internet point pubblici ha a che fare con il favoloso mondo a 5 Stelle che ha fatto svolgere a Palermo le comunarie online per la scelta del candidato sindaco dei 5 Stelle nel capoluogo siciliano, dove nel 2017 si voterà. Essendo la faccenda delle firme false ancora fresca e fumante alla faccenda non è stato dato particolare risalto, perché il Guitto Supremo non è un cretino, anzi…

Si è votato naturalmente sul blog del Vate e i votanti sono stati 524 – perché la democrazia dal basso è una cosa seria – che secondo i comunistacci de l’Unità, hanno espresso 2.233 preferenze, perché nel magico mondo a5 Stelle le preferenze sono sempre più di una. Insomma un plebiscito. Nelle prossime settimane si metteranno sulla graticola i candidati espressi (Giulia Argiroffi, Giancarlo Caparrotta, Franca Tiziana Di Pasquale, Salvatore Forello e Igor Gelarda), ma i coltelli a 5 Stelle hanno già preso il volo. Raccontano i comunistacci de l’Unità che il fondatore di Addiopizzo Salvatore Forello per esempio ha ricevuto un esposto in procura da parte di Riccardo Nuti; il leader del sindacato di polizia Consap Igor Gelarda, outsider, da qualche tempo, sembra invece aver messo in campo un sodalizio con Luigi Di Maio. Ci sono però state tante rinunce “sospette”. Le rinunce infatti si sono accavallate allo stop dei garanti alla corsa di Samanta Busalacchi e Riccardo Ricciardi e che hanno indispettito più di un esponente M5S. Solo il 26 dicembre, la deputata Chiara Di Benedetto (vicina a Riccardo Nuti) attaccava: “Non mi stupirei se dietro a molti ritiri si nasconda il più infimo progetto di boicottare le “comunarie” online per poter, poco dopo, presentare una lista bella e pronta”.

 

Insomma dopo le firme false arrivano le votazioni carbonare, nuova puntata della telenovela online del movimento grillico tutto coerenza, onestà e trasparenza.

 

 

(30 dicembre 2016)

 

 

 

 

©gaiaitalia.com 2016 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

Pubblicità

LEGGI ANCHE