Pubblicità
15.4 C
Roma
14.8 C
Milano
martedì, Aprile 16, 2024
Pubblicità
PubblicitàBritish School Banner 2023

POLITICA

PubblicitàLancio Master 2023 Limited Edition

ESTERI

Pubblicità
Pubblicità
HomeLa ProvocazioneSe riescono persino a lamentarsi del "finto" taglio del canone

Se riescono persino a lamentarsi del “finto” taglio del canone

GAIAITALIA.COM NOTIZIE anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

Siccome qualcosa bisogna pur dire, e non si può certo dire – ad esempio – che del programma della Signora De Girolamo che intervista il marito, o del Mercante in Fiera di Insegno (vedrete il tonfo de L’Eredità) se ne poteva anche fare a meno; non si può certo dire – ad esempio – che lasciare andare Gramellini e Fabio Fazio è stato un clamoroso caso di suicidio economico e di immagine per un servizio pubblico che diventa casa Meloni; non si può certo dire – ad esempio – che i nuovi strombazzati format sono dei clamorosi flop, quindi ci si lamenta.

Per quello, forse, l’’amministratore delegato di Viale Mazzini, Roberto Sergio ha deciso di intervenire sulla questione canone, o sul (finto) taglio del canone. Lo ha fatto da Fiorello dichiarando “Dei 90 euro, e oggi dei 70 euro, noi ne prenderemo 53. Il resto va ai privati, giornali, televisioni private…”, perché il canone è una tassa che va a sovvenzionare anche altre cose oltre alla Rai soltanto che “non lo sa nessuno”: come se fosse colpa nostra se alla Rai non dicono le cose come stanno.

Dunque non scelte sbagliate, ma la colpa al (finto) canone: quello che dove non arrivano i 70 € (ieri 90) o 53 € netti che dir si voglia, c’arriva il governo che ripiana il bilancio con soldi pubblici, che toglie soldi dal canone e li prende da un’altra parte. La stessa trasparenza della Rai verrebbe da dire, e la stessa tendenza al vittimismo. Gran brutta bestia il mal di pancia.

 

(31 ottobre 2023)

©gaiaitalia.com 2023 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

 

 

 



Pubblicità

LEGGI ANCHE