Diritti LGBTI. Meno male che adesso non c’è Nerone

Leggi di più

Dal 3 giugno a Genova è “Liguria Pride”

Otto giorni per tantissimi eventi fino alla parata del 10 giugno con partenza alle 15

CONDIVIDI

di Pa.M.M.

E meno male che c’è quel fiero oppositore delle libertà individuali il quale sostiene che “Il divorzio, le convivenze, le unioni civili, le unioni fra persone dello stesso sesso e ogni forma di unione illegittima, sono un grave attentato all’istituzione della famiglia fondata sul matrimonio”; con tale carico da undici di sensibilità e tolleranza le tesi oscurantiste della ministra Roccella sono al sicuro.

E meno male che ci godiamo un governo formato da un’ampia selezione di divorziati, plurisposati, divorziati, risposati, nuovamente divorziati e sposati ancora una volta gridano come ayatollah de voantri, il sito Gayburg, sempre molto attento a questi temi, sbertuccia queste destre illiberali che reclamano di non contestare Roccella la quale è libera di contestare la scienza dal suo punto di vista di non scienziata, perché chi reclama il contraddittorio ad ogni alito di vento poi ha sempre la memoria corta. Poi cita persino Pro Vita ma scrivere anche di quello per noi è troppo, dunque vi rimandiamo al link più in alto così che leggiate da voi, nel caso vi interessi. Tanto non c’è niente di nuovo, il solito discorso sulla “famiglia tradizionale costituita da un uomo e una donna davanti all’altare del Signore” che “nella nostra moderna e sviluppata società è in via di estinzione”. Mai che si facciano una domanda sembra quasi una battuta straordinaria, dinnanzi a un simile deserto umano.

Se solo potessero usare la benzina come vogliono, certuni di un certo paese, si vedrebbero  i falò ballare la tarantella.

 

 

(22 maggio 2023)

©gaiaitalia.com 2023 – diritti riservati, riproduzione vietata