Pakistan: malaria e malnutrizione nelle aree colpite dalle alluvioni. Numeri altissimi: la denuncia di MSF

Pubblicità

Condividi

di Redazione Sociale

In Pakistan, Medici Senza Frontiere (MSF) continua a registrare numeri allarmanti di pazienti affetti da malaria e malnutrizione tra le comunità colpite dalle recenti alluvioni nelle province del Sindh e del Belucistan. Lo scrive il nostro quotidiano Sassuolonotizie.it.

La metà dei pazienti visitati dalle cliniche mobili di MSF a dicembre era affetta da malaria nonostante ci si aspettasse una diminuzione dei casi con la stagione fredda, e dallo scorso ottobre i team hanno trattato più di 42.000 casi di malaria. MSF ha registrato anche numeri allarmanti di malnutrizione acuta tra i bambini, dopo che le alluvioni hanno distrutto gran parte dei raccolti e degli allevamenti, principale fonte di sostentamento per molte comunità. Dall’inizio delle attività in Sindh e in Belucistan, le cliniche mobili di MSF hanno visitato 28.313 bambini di cui più della metà erano malnutriti: il 23% era affetto da malnutrizione acuta e il 31% da malnutrizione acuta moderata.

Circa quattro mesi dopo la fine delle alluvioni, nel paese continua l’emergenza e i bisogni umanitari della popolazione rimangono alti. L’attuale risposta è inadeguata e i bisogni primari della popolazione, come l’accesso a cibo, acqua potabile e cure mediche, rimangono insoddisfatti.

I team di emergenza di MSF gestiscono cliniche mobili e unità di trattamento per la malaria che ogni settimana raggiungono oltre 50 luoghi diversi nei distretti di Dadu, Jacobabad e Shahadat Kot in Sindh e nei distretti di Jaffarabad, Naseerabad, Sohbatpur, Jhal Magsi e Usta Mohammed in Belucistan orientale. Finora MSF ha fornito cure mediche di base ha più di 92.000 persone principalmente per malattie cutanee, malaria, infezioni respiratorie e diarrea. Le persone che tornano ai loro villaggi continuano a trovare le case e i terreni distrutti e ancora circondati da acqua stagnante e questo ha un impatto sulla loro salute mentale. Per questo motivo le équipe di MSF forniscono supporto psicologico individuale e di gruppo per aiutare la popolazione in questi momenti difficili. Inoltre, nelle ultime settimane MSF ha distribuito kit per l’inverno a 6.000 famiglie che vivono in campi e insediamenti informali.

Nei villaggi di nuovo accessibili in Sindh e in Belucistan orientale, le fonti d’acqua sono ancora contaminate e l’acqua potabile è molto lontana. I raccolti, il bestiame e le scorte alimentari sono andati persi e i campi non saranno pronti per la prossima stagione di semina, aumentando così il rischio di insicurezza alimentare. I team di MSF hanno già fornito più di 20 milioni di litri di acqua potabile alle comunità rurali e stanno continuando a farlo. Inoltre, le équipe di MSF hanno aiutato a distribuire 15.973 kit igienici alle famiglie che vivono nelle aree remote colpite dalle alluvioni.

 

(13 gennaio 2023)

©gaiaitalia.com 2023 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

 

 

 

 



Pubblicità

altre notizie

I No Green pass chiamano il 112 della Polizia per dire che la Polizia li blocca senza sapere che al 112 risponde la Polizia

di Daniele Santi, #poverinoi Così, visto che erano circondati dalla polizia, per dirla alla Ridolini cercando di evocare le espressioni soddisfatte...

Quelli che “già a Pompei” c’era un “mosaico” che “conteneva un QR code per il Green pass”

di Giovanna Di Rosa, #bufale E' proprio quella magnifica invenzione che è Bufale.net a riportare la notizia. I creduloni...

David Sassoli ricoverato in ospedale in Italia dal 26 dicembre

di Redazione Politica Il presidente del parlamento europeo David Sassoli è ricoverato dal 26 dicembre in ospedale in Italia per complicazioni...

Giorgia Meloni fu Ministra nel Governo Berlusconi IV dal 2008 al 2011. Pubblichiamo gli atti

di Giovanna Di Rosa #Maiconsalvini twitter@gaiaitaliacom #Maicoifascisti   La Signora On. Meloni, ex Ministra del governo Berlusconi IV che fu...
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: