Il complottismo dei “negher” che per prendere il potere passa dalla back-door di Tokyo2020

Leggi di più

Bologna, dodici misure cautelari tra appartenenti al Collettivo Universitario Autonomo e Laboratorio Cybilla

di Redazione Bologna Questa mattina la DIGOS della Questura di Bologna ha eseguito su disposizione della locale Procura della Repubblica, nella persona del Procuratore Capo dott. Giuseppe Amato e del dott. Antonio Gustapane, titolare delle indagini, 12 misure cautelari, emesse dal G.I.P. del Tribunale di Bologna, dott. Claudio Paris, a carico di altrettanti appartenenti del Collettivo […]

Volpi e Garozzo consegnano il fioretto alla Città di Torino

di Redazione Torino Il Grand Prix FIE TROFEO INALPI incorona Torino capitale mondiale del fioretto nell’ambito della prima prova del calendario GRAND PRIX SERIE 2023 di fioretto maschile e femminile in programma al Pala Alpitour dal 10 al 12 febbraio, Alice Volpi e Daniele Garozzo consegneranno il fioretto al sindaco Stefano Lo Russo e all’assessore allo Sport e […]

Tragedia sul lavoro nel cantiere del Terzo Valico a Voltaggio: muore un 33enne

di Redazione Alessandria Tragedia nel cantiere del Terzo Valico a Voltaggio, nell’Alessandrino attorno all’una di notte del 7 febbraio. Uno scoppio, dovuto probabilmente a una fuga di gas, e la fiammata che ne è seguita, ha provocato la morte di un operaio e il ferimento di un altro operaio. La vittima è un uomo di 33 anni, calabrese, in […]

Il Parco nazionale dell’Appennino tosco-emiliano è il primo in Europa con doppia certificazione FSC e PEFC per la gestione forestale sostenibile e i servizi...

di Redazione Bologna In Italia i boschi arrivano a coprire il 37% del territorio: un grande valore che deve però essere gestito in maniera opportuna[1]. È infatti necessario tutelare il patrimonio forestale e arboreo italiano a 360 gradi, tenendo conto dei suoi “servizi ecosistemici”, ovvero i benefici multipli forniti dagli ecosistemi al pianeta e al genere […]

CONDIVIDI

di Giovanna Di Rosa, #nofascismi

“At vist i negher? Il ghàn ciapà la medallia de oro!”… Occorreva un po’ di gramlot per a) farsi due risate, b) non mettersi a piangere, perché l’imperialismo dei negher, quello che il prode Bossi già Umberto da Giussano delle Sacre Acque del Po ora malamente sostituito da rosari ad orologeria e conversione secondo convenienza del momento, temeva dal lontano 1994, e sulla cui leggenda ha preparato le più spudorate prese per il culo della storia d’Italia, post Mussolini, parrebbe essersi proprio verificato. Certamente nelle inutili teste dei complottisti anti-negher…

Vedete? La presa di potere del negher non può passare per via normali, devono trovare una via d’entrata nascosta, proprio come fanno certi leghisti con la politica, così eccoci al complottismo del negher in chiave olimpica che usa la backdoor di Tokyo 2020 per arrivare al potere. Come? Centrando obbiettivi come le medaglie d’oro per vincere le quali, è noto, servono i complotti e non correre più forte, o nuotare più forte, o picchiare più forte. Così mentre il neorazzismo dell’italico neofascistello si chiede come è possibile che alcuni negher vestiti d’Italia cantino Fratelli d’Italia dopo essere andati persino più forte di tutti, loro che valgono meno, e come si possa pretendere che un popolo tutto d’un pezzo che rimpiange Mussolini possa mettersi lì ad applaudire un negher con la maglietta dell’Italia.

Comprendendo il disagio siamo umanamente vicini, fisicamente a distanza perché tocca sempre proteggersi, a questi poveracci che non riescono a capacitarsi di un’Olimpiade così dove non solo l’Italia vince, ma vince coi negher di leghistissima discriminazione e che, attraverso le medaglie, dice all’Italia tutta che tutta l’Italia è una sola, che ci si abbraccia e ci si ama e, soprattutto, che gli esseri umani sono proprio tutti uguali e che i salvini, le meloni, i razzisti di varia estrazione, i neofascistelli da bar all’angolo che leggono a malapena e danno la colpa ai negher, che il segreto della vittoria nella vita non sta nel guardare il colore della pelle altrui sputandoci veleno sopra; il segreto della riuscita nella vita giace nello sforzo continuato, continuo, tenace, quotidiano, nella preparazione fisica, e in quella culturale, e se uno si mette lì e si dà da fare poi i risultati arrivano. Proprio così: quello che si produce in bagno non è l’unico che serve nella vita, ce ne sono altri che producono risultati migliori. E dal profumo più allettante… Certo, tocca lasciare il bar e smettere di dare la colpa ai negher, e le cattive abitudini sono difficili da abbandonare.

 

(9 agosto 2021)

©gaiaitalia.com 2021 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

 

 

 



%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: