Home / lgbti / Africa & Maghreb lgtb / La Germania vuole deportare un omosessuale nigeriano il cui compagno è stato ammazzato a botte in un attacco omofobo: firmate la petizione per salvarlo

La Germania vuole deportare un omosessuale nigeriano il cui compagno è stato ammazzato a botte in un attacco omofobo: firmate la petizione per salvarlo

di Redazione #LGBTI twitter@gaiaitaliacom #NoOmofobia

 

Più volte abbiamo scritto dei ferocissimi attacchi omofobi che vengono sferrati dalla popolazione nigeriana nei confronti delle persone omosessuali o ritenute tali, grazie ad una legge assurda che vieta addirittura le manifestazioni di affetto in pubblico, tipo gli abbracci, tra maschi consanguinei: fratelli, padre e figli, cugini, per evitare la propaganda dell’omosessualità. Una follia di stato dove i mob antigay uccidono gli omosessuali nella totale impunità.

In Germania  ha trovato asilo un giovane aggredito insieme al suo compagno in Nigeria: il suo compagno è stato ammazzato a pugni e calci e la Polizia non ha arrestato i colpevoli, ma si è messa alla ricerca del giovane aggredito per imprigionarlo perché in quel paese il colpevole non è l’assassino, o gli assassini, ma la persona omosessuale. Efe, lo chiamano così, ora rischia di essere deportato in Nigeria perché la Germania gli ha rifiutato l’asilo con una decisione incomprensibile.

All Out, piattaforma online, ha lanciato una petizione per salvarlo, per favore firmatela qui. La Nigeria è quel paese le cui mafie si occupano di traffico di migranti in Libia, i cui ministri parlano dei gay come di una minoranza che opprime e il cui Presidente non si occupa di Boko Haram, ma si preoccupa dei matrimoni gay (che nel paese sono vietati), dove una coppia gay è stata costretta ad avere un rapporto sessuale in pubblico e ripresa coi telefonini prima di essere massacrata di botte e dove, bisogna pur chiudere con leggerezza di fronte a tanto orrore, un uomo allontana da casa il gatto perché gay. Il gatto.

Non facciamo tornare Efe in quell’orrore. Firmate la petizione in alto. Noi l’abbiamo già fatto.

 

(06 settembre 2019)

©gaiaitalia.com 2019 – diritti riservati, riproduzione vietata

 


 

 

 

 

 

 





 

 




Comments

comments

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne clicca su "leggi di più". Questo sito utilizza cookies di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi