Obbligati ad essere utopisti per sopravvivere

Leggi di più

Meloni: “Io non sono Mosè”. Va detto che si nota

di Daniele Santi Siccome il verde Bonelli le stava facendo vedere ciottoli che aveva raccolto nel letto di un fiume in secca, non avendo null’altro a sua disposizione che non siano battute da bar, la presidente del Consiglio si è sentita capocomico e ha dato una risposta da avanspettacolo: “Presumo che lei voglia dire che in cinque mesi […]

Torino, 25 marzo aperto l’Ufficio passaporti

di Redazione Torino Continuano, fortemente volute dal Questore della provincia di Torino al fine di agevolare i cittadini nella presentazione delle istanze di passaporto, le aperture nel fine settimana dello sportello dell’Ufficio Passaporti della Questura, sito in Piazza Cesare Augusto 5, e di ciascun Commissariato Sezionale e Distaccato: tali giornate sono dedicate esclusivamente alla presentazione […]

In monopattino in autostrada sulla Torino  Caselle

di Redazione Torino Verso le ore 8.45 di domenica mattina 19 marzo 2023 la centrale Operativa COPS del Compartimento Polizia Stradale di Torino disponeva l’intervento di una pattuglia lungo lo svincolo “2 -Borgaro” del raccordo autostradale RA/10, in quanto era stata segnalata la presenza di una donna che stava percorrendo la carreggiata in direzione Caselle […]

Rapina e ricettazione: due persone fermate

di Redazione Cronaca Personale della Polizia di Stato e i carabinieri del comando provinciale di Torino, hanno dato esecuzione a un fermo del Pubblico Ministero, nei confronti, rispettivamente, di un cittadino italiano di 40 anni e di un cittadino tunisino di 32 anni. A seguito di approfondite indagini, entrambi i soggetti sono gravemente indiziati dei […]

Torino. La Polizia sequestra 2,7kg di metanfetamina-shaboo

di Redazione Cronaca Nel corso delle attività investigative condotte dalla Polizia di Stato, di concerto con la Direzione Centrale per i Servizi Antidroga, volte al contrasto del traffico internazionale di stupefacenti, nella mattinata dell’8 febbraio u.s., a Torino, veniva operato l’arresto di una coppia di cittadini di nazionalità cinese, di cui uno irregolare sul territorio […]

Fabiano Massimi alla Biblioteca Astense il 1° aprile

di Redazione Cultura Sabato 1 aprile alle 17 alla Biblioteca Astense Giorgio Faletti, Fabiano Massimi, già vincitore del Premio Asti d’Appello 2020 con L’angelo di Monaco, presenterà il suo ultimo romanzo Se esiste un perdono, edito da Longanesi, la storia dimenticata dello Schindler britannico, con il quale Massimi ha vinto il Prix Polar 2022. La chiamano […]

La Polizia Locale rianima un uomo in arresto cardiaco in centro a Milano

di Redazione Cronaca Sono le 9.30 quando il personale di un bar in piazza San Fedele richiama l’attenzione di una pattuglia di agenti della Polizia locale che sta controllando alcuni monopattini in divieto di sosta perché un uomo, M.S.P. di 64 anni, si è accasciato a terra in arresto cardiaco e non riesce più a respirare. […]

Roma. Identificato dalla Polizia di Stato il tifoso che ha indossato la maglia Hitlerson 88 in occasione dell’ultimo derby. Individuate anche 2 persone che...

di Redazione Roma La Polizia di Stato, nel corso della serrata attività d’indagine volta ad individuare i soggetti responsabili di alcune condotte contrarie alla legge, poste in essere durante il derby SS Lazio- AS Roma, ha identificato il tifoso, di nazionalità tedesca, che ha indossato la maglia con la scritta “Hitlerson 88”. La Digos della […]

Bologna tra le città più felici del mondo

di Redazione Bologna Bologna è centosedicesima al mondo tra le città più felici, subito dopo Barcellona, prima di Roma (al posto 128) e dopo Milano (posto 102, prima città italiana della classifica), la fascia è la terza, quella di bronzo, dove si è felici da terzo posto. Francamente i toni trionfanti che tutti usano in […]

CONDIVIDI

di Vanni Sgaravatti

Il tipo di infrastrutture determinano il tipo di società, come sostiene Jeremy Rifkin nel suo libro “Tipensare l’esistenza su una terra che si rinaturalizza”. E, in estrema sintesi: tre sono gli elementi che caratterizzano le infrastrutture: energia, comunicazione sociale e trasporti.

Nella prima rivoluzione industriale: carbone, telegrafo, treno a vapore.
Nella seconda rivoluzione industriale: petrolio, radio/tv, combustione autonoma (auto, ecc.).
Nella terza rivoluzione industriale (in corso): elettricità digitalizzata e rinnovabili, internet sociale e big data, trasporti autonomi e pianificati (in via di studio).

Le prime due rivoluzioni industriali hanno favorito la centralizzazione del potere e i diritti di proprietà sono stati elementi fondanti. Nella terza ci sono due alternative, due modelli che si combattono fino alla morte: il primo è quello relativo al mantenimento della centralizzazione del potere, cioè il capitalismo di sorveglianza: Cina, Russia, e multinazionali del “mondo digitale”, il secondo è quello “democratico con responsabilità decentrata”. Naturalmente, nel primo modello, la differenza sta che nel primo caso (cinese-russo), la sorveglianza è un valore dichiarato, nel secondo la sorveglianza è ancora da nascondere. Un potere controbattuto, con successi dubbi, da contropoteri democratici.

Lo scontro tra i due modelli è epocale. Dietro ci sta un nuovo modo di pensare l’uomo e nel piatto ci sta pure l’estinzione. Il fatto che, se va male, abbiamo ancora un secolo prima che l’estinzione arrivi a lambire le nostre terre, non significa che non sia imminente. Un secolo è un battito di ciglia per i tempi di un’estinzione.

Le forze culturali a favore del mantenimento del potere centralizzato (il primo modello) e che inducono comportamenti che vanno in questa direzione sono tante: dalla diffusione di un attaccamento alla propria comfort zone (attaccati come delle cozze); a quelli che si sentono tagliati fuori dalle incomprensibili dinamiche del mondo digitale e che quindi si affidano volentieri al conduttore; a quelli che lo sono oggettivamente “tagliati fuori”, troppo impegnati a non  morire di fame e di sete; ai nostalgici del mondo con poche regole antiche e tradizionali; a quelli che non possono fare a meno di una morale strettamente locale e non universale (non sapendo che in questo modo aprono le porte ad un’adesione alle dinamiche sociali e politiche sulla base di costi e benefici personali, che, quindi, per definizione precludono un’etica). E poi, naturalmente, ci sono gli evidenti scontri politici, istituzionali, tanti, visibili e potenti: la guerra in Ucraina, la repressione in Iran e tante altre situazioni che compongono un lunghissimo elenco. Ne prendiamo una di situazione, quella vicina a noi: l’Ucraina.

Molti dicono che per Putin è impossibile accettare di non raggiungere gli obiettivi della conquista del Donbass e la Crimea. Sarebbe la sua fine. E se fosse la sua fine chi lo sostituirebbe? Un Putin II o un altro Gorbaciov?

La Cina è molto infastidita da questa guerra, ma può permettersi un altro Gorbaciov alle porte, con una protesta sotto le ceneri cinesi? E una vittoria di Putin non costituirebbe la fine della Nato e dell’ONU per molti paesi aderenti, che comprenderebbero come queste istituzioni non sono più neppure un paravento e tanto meno un contrappeso, perché l’unico accordo che conta e che verrebbe definitivamente istituzionalizzato è la spartizione delle sfere di influenza tra grandi potenze? E questo non sarebbe comunque la fine definitiva del modello democratico-multipolare, che già nella realtà fa fatica a sopravvivere? E non bastano queste domande per capire che c’è anche un altro modo di leggere questo conflitto ucraino?

In questa lotta mortale tra i due modelli, abbiamo, però, almeno a livello teorico, la possibilità di una rivoluzione antropologica radicale a favore del secondo (quello democratico), in cui la tecnologia è a sostegno di un modello pensato e condiviso, non centralizzato, con produzione di energia distribuita e relativa responsabilità decisionale altrettanto diffusa. E questo potrebbe accompagnarsi, con il tempo, con una cultura e una morale che, almeno su alcuni elementi, si universalizzerebbero e che ci permetterebbe di sopportare i costi di una redistribuzione dei nostri benefici, grazie a quel sostegno che proviene dal percepire l’importanza del nostro ruolo e, quindi, alimentare il nostro sé di un autentico significato da attribuire alla nostra vita.

Pura utopia vero? Ma è una strada obbligata. Almeno per i cosiddetti catastrofisti. Non abbiamo alternative, siamo obbligati ad essere utopistici. E anche da questo punto di vista, gli Ucraini sono una metafora di questa necessità. Anche se un po’ mi dispiace considerare delle metafore, donne e uomini in carne ed ossa.

Insomma, siamo ad un punto di svolta, o parafrasando Prigogine, premio Nobel della Fisica Chimica nel 1977, siamo ad un punto di biforcazione, in una fase di grande instabilità, dove anche una singola cellula, in modo indeterministico e con un certo livello di probabilità, può prendere una direzione, che, attraverso meccanismi di auto rinforzo, si propaga a tutto il sistema. Dalla scienza ci arriva, quindi, una metafora seducente per sperare non solo in un cambiamento del sistema a scala umana, ma anche per percepire il contributo di ognuno di noi, cellule molto particolari. L’utopia è anche quella di contare nel supporto di un’etica diffusa, che ci orienti verso un valore superiore alla nostra stessa sopravvivenza e che sia il frutto di libero arbitrio, almeno percepito come tale, che fornisce un significato alle nostre decisioni, ai nostri comportamenti e, quindi, alla nostra vita, indipendentemente dalle gratificazioni dei risultati ottenuti.

Siamo unici, infatti, ma non siamo unici ad essere unici e, per questo, dobbiamo sentirci pienamente nel mondo, anche se, dobbiamo accettare di non poter univocamente determinare le sorti di tutti e persino le nostre, nonostante l’impegno profuso.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: