Colera in Siria: Medici Senza frontiere in campo per limitare la diffusione della malattia

Leggi di più

Bologna, dodici misure cautelari tra appartenenti al Collettivo Universitario Autonomo e Laboratorio Cybilla

di Redazione Bologna Questa mattina la DIGOS della Questura di Bologna ha eseguito su disposizione della locale Procura della Repubblica, nella persona del Procuratore Capo dott. Giuseppe Amato e del dott. Antonio Gustapane, titolare delle indagini, 12 misure cautelari, emesse dal G.I.P. del Tribunale di Bologna, dott. Claudio Paris, a carico di altrettanti appartenenti del Collettivo […]

Volpi e Garozzo consegnano il fioretto alla Città di Torino

di Redazione Torino Il Grand Prix FIE TROFEO INALPI incorona Torino capitale mondiale del fioretto nell’ambito della prima prova del calendario GRAND PRIX SERIE 2023 di fioretto maschile e femminile in programma al Pala Alpitour dal 10 al 12 febbraio, Alice Volpi e Daniele Garozzo consegneranno il fioretto al sindaco Stefano Lo Russo e all’assessore allo Sport e […]

Tragedia sul lavoro nel cantiere del Terzo Valico a Voltaggio: muore un 33enne

di Redazione Alessandria Tragedia nel cantiere del Terzo Valico a Voltaggio, nell’Alessandrino attorno all’una di notte del 7 febbraio. Uno scoppio, dovuto probabilmente a una fuga di gas, e la fiammata che ne è seguita, ha provocato la morte di un operaio e il ferimento di un altro operaio. La vittima è un uomo di 33 anni, calabrese, in […]

Il Parco nazionale dell’Appennino tosco-emiliano è il primo in Europa con doppia certificazione FSC e PEFC per la gestione forestale sostenibile e i servizi...

di Redazione Bologna In Italia i boschi arrivano a coprire il 37% del territorio: un grande valore che deve però essere gestito in maniera opportuna[1]. È infatti necessario tutelare il patrimonio forestale e arboreo italiano a 360 gradi, tenendo conto dei suoi “servizi ecosistemici”, ovvero i benefici multipli forniti dagli ecosistemi al pianeta e al genere […]

CONDIVIDI

di P.M.M.

In Siria, a due mesi dall’inizio dell’epidemia di colera, Medici Senza Frontiere (MSF) ha trattato più di 3.000 casi sospetti nel nord-est del paese, mentre nel nord-ovest ha aperto un nuovo centro di trattamento con 20 posti letto e raggiunto oltre 22.000 persone con attività di promozione alla salute.

Informa un comunicato stampa dei Medici Senza Frontiere.

La diffusione del colera in Siria è legata all’utilizzo dell’acqua contaminata del fiume Eufrate e la mancanza di acqua pulita sta avendo un impatto sulla salute delle persone, specialmente nei campi di rifugiati, causando oltre al colera anche altre malattie come epatite, scabbia e impetigine.

“Già nel 2021 eravamo preoccupati per il limitato accesso all’acqua potabile nel nord del paese. Oggi, con l’inverno alle porte, l’insicurezza e il rischio dell’interruzione degli aiuti transfrontalieri, il colera potrebbe rendere ancora più difficile una situazione umanitaria già drammatica”, affermano i team di MSF in Siria.

In Siria nord-orientale MSF, che sta rispondendo all’epidemia in collaborazione con le autorità sanitarie locali, ha trattato più di 3.000 casi sospetti e sta supportando un centro di trattamento da 20 posti letto a Raqqa. I team di MSF stanno collaborando con altre organizzazioni locali per interventi idrici e igienico-sanitari, tra cui la clorazione e il monitoraggio dell’acqua, formazione per gli operatori, gestione delle acque reflue e la distribuzione di kit igienici. MSF supporta anche sei stazioni idriche in città e ha donato dispositivi di protezione individuale e dieci tonnellate di cloro. A Tal Abyad e Ras Al-Ain le équipe di MSF stanno supportando l’organizzazione Al-Ameen per sensibilizzare la comunità e distribuire kit igienici alle famiglie.

Nel governatorato occidentale di Idlib, MSF supporta un centro di trattamento per il colera da 24 posti letto. In un mese sono stati presi in carico più di 150 pazienti, con una media di 7 pazienti al giorno. Il 22% dei pazienti erano casi gravi con livelli alti di disidratazione, la maggior parte dei quali dovuti a cure tardive dopo i primi sintomi. Il 15 novembre MSF ha aperto un nuovo centro di trattamento da 20 posti letto nel governatorato settentrionale di Idlib che nella prima settimana ha preso in carico 11 pazienti. I team di MSF lavorano anche in 4 punti di reidratazione orale situati in diverse aree di Idlib per fornire un primo trattamento ai pazienti. In un mese sono stati trattati circa 300 casi sospetti.

Anche nella parte settentrionale del governatorato di Aleppo, MSF supporta un punto di reidratazione e due centri di trattamento per il colera ad Afrin e Al-Bab in collaborazione con l’organizzazione Al-Ameen dove sono stati trattati circa 70 pazienti, la maggior parte con sintomi lievi e moderati.

In entrambi i governatorati, di Idlib e Aleppo, MSF ha distribuito kit igienici di prevenzione (taniche, sapone e compresse di cloro) a più di 20.000 famiglie sfollate nei campi, dove i team effettuano anche esami dell’acqua, nonché circa 3.900 compresse per depurare l’acqua in 17 campi. I team di MSF sono impegnati in formazioni per gli operatori sanitari e attività di promozione alla salute, raggiungendo oltre 22.000 persone.

Dopo 11 anni di guerra, in Siria ci sono 14,6 milioni di persone che hanno bisogno di assistenza. È il paese con il maggior numero di sfollati interni al mondo (6,9 milioni) e la maggior parte sono donne e bambini. Nelle aree dove i team hanno accesso, come in Siria nord-occidentale e nord-orientale, MSF gestisce e supporta ospedali e centri di salute e fornisce assistenza sanitaria attraverso cliniche mobili.

 

 

(28 novembre 2022)

©gaiaitalia.com 2022 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

 



%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: