Home / Copertina / Lorenza Morello: Terremoto, quando “mettere in sicurezza” l’umano agire non è slegato da altri ambiti

Lorenza Morello: Terremoto, quando “mettere in sicurezza” l’umano agire non è slegato da altri ambiti

di Lorenza Morello  twitter@Lorenza_Morello

 

 

 

 

Mentre a Roma si avvertiva l’ennesima scossa di terremoto che sconvolge il nostro Paese con inusuale accanimento in questi mesi, ero in diretta sulle reti Rai. Tutto bene? Tutto bene, grazie. Sono le solite domande che in uno studio tv, mentre sei in diretta, non puoi fare. Continui a lavorare, poi nella pausa parli della paura e ringrazi perché, fortunatamente, non ci sono danni.

 

Faccio parte dell’Osservatorio parlamentare del mercato immobiliare con il ruolo molto delicato di coordinatore legale nazionale, ed il concetto di “messa in sicurezza” è una cosa serissima perché quando si parla, anche nel nostro gruppo di lavoro, di “messa in sicurezza” parliamo di 3 settori diversi: messa in sicurezza di persone, immobili e patrimoni. Questo perché siamo dell’opinione, invero confermata da dati empirici, che non si possa trattare nulla dell’umano agire come slegato dagli altri ambiti. Ogni ambito umano è strettamente legato agli altri. Pertanto la nostra idea di sicurezza è anzitutto un’idea di prevenzione, di educazione civica, di responsabilizzazione individuale e sociale. Vogliamo costruire una società più sicura in senso lato, e siamo esausti di sentire parlare di temi della sicurezza solo dopo il verificarsi di un danno di qualsiasi natura, dal dissesto idrogeologico a quello finanziario o sociale. L’abitudine è quella di parlare di fatalità, ma bisogna smetterla di parlare di fatalità e di dire che il terremoto uccide. La fatalità non esiste, la terra ha sempre tremato e sempre tremerà. Non è il terremoto a uccidere. Sono le case costruite male.

 

L’unico modo per rispettare chi ha perso la vita sotto le macerie è fare in modo che gli edifici smettano di crollare. Ma non basta agire a posteriori, la messa in sicurezza di persone, immobili e patrimoni è un tema di dovere civico che tocca tutti noi e stiamo lavorando a un progetto articolato sul tema.

 

Come? Unendo le capacità professionali di ciascuno di noi per poter affrontare il problema a tutto tondo. Per quanto riguarda le mie competenze, ad esempio, sto calibrando i parametri utilizzati nella mia veste di giurista di impresa quando “metto in sicurezza” un’azienda, al settore pubblico. E devo dire che è una sfida intellettualmente stimolante. Sto sviluppando due filoni principali. Il primo è il tema del trapasso generazionale caro agli aziendalisti applicato al settore immobiliare.  Mi spiego: mettere un sicurezza un edificio, in un Paese come il nostro dove la maggioranza delle prime case è di proprietà, può essere un costo importante che va a gravare sulle economie familiari. Stiamo lavorando a una proposta di legge per prevedere delle agevolazioni e degli sgravi che permettano, nel momento della successione o in previsione della stessa, di affrontare i lavori necessari per l’adeguamento dell’immobile alle norme vigenti senza mettere a rischio le nostre economie personali. Bisogna coniugare sicurezza immobiliare e sicurezza economica, e va sottolineato che manovre di questo genere farebbero da volano al mercato del lavoro. Con evidenti ricadute positive sulla sicurezza del mercato stesso.

 

Quindi torniamo a ciò che dicevamo all’inizio, che ogni ambito dell’umano agire è sempre collegato. Proprio così. Ma ci pensiamo troppo poco.

 

 

 

(18 gennaio 2017)

 

 

 




©gaiaitalia.com 2017 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

Comments

comments

gaiaitalia.com

x

Check Also

“Ti facciamo abortire negra di m…”, l’allegra giovane coppia formata da lei e lui esempio di odio razzista

Share this on WhatsAppdi Giancarlo Grassi, twitter@gaiaitaliacom     Eccoli là sull’autobus a Rimini, in tempo di vacanze, lei 19enne, lui 22enne. Una mano si infila abile e silenziosa in una borsa e ne estrae un cellulare. La proprietaria, una donna africana che aspetta un bambino, se ne accorge e ...

Attentato a Barcellona: dodici morti e sessantaquattro feriti. Due arresti e due ricercati

Share this on WhatsAppdi G.G., twitter@gaiaitaliacom     (aggiornamento 17/08/2017, ore 20.00) Sono almeno dodici i morti nell’attentato islamista che ha colpito Barcellona attorno alle 17.00 del 17 agosto. Secondo alcune notizie i terroristi sarebbero asserragliati in un bar. Altre notizie smentiscono questa versione. I Mossos D’Esquadra riferiscono con un ...

Il PIL è aumentato “Perché ha fatto caldo”: Barbara Lezzi del M5S è da Premio Ignobel

Share this on WhatsAppdi Giovanna Di Rosa, twitter@gaiaitaliacom   Lei è la “stellare” esponente del M5S Barbara Lezzi, profonda conoscitrice dell’economia e dei suoi meccanismi, deputata nel parlamento italiano per volere del Sacro Blog, l’ennesima miracolata per intenderci, che in mezzo alla calura ferragostiana, colta da subitaneo fragore neuronico dopo ...

Il “non sono razzista, la mia ragazza è straniera”, sostituisce l’obsoleto “ho tanti amici gay”

Share this on WhatsAppdi Il Capo, twitter@gaiaitaliacom     Un tempo erano di moda dire “Io non ho niente contro i gay, ho tanti amici gay“, specializzato nella locuzione il triste senatore Giovanardi così terrorizzato dall’idea di finire all’inferno che gli toccherà finirci sul serio; era come quando si diceva ...

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne clicca su "leggi di più". Questo sito utilizza cookies di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi