Home / Notizie / Come se fosse una cosa seria / Ci chiedevamo se Luigi Di Maio avesse già proposto la modifica della Scala Richter

Ci chiedevamo se Luigi Di Maio avesse già proposto la modifica della Scala Richter

foto: ANSA/ALESSANDRO DI MEO

di Giovanna Di Rosa

 

 

 

 

 

Puntuale come la morte, nell’immediato post-terremoto, è arrivata la demenziale dichiarazione urbi et orbi di Luigino Di Maio, vicepresidente della Camera coi voti del PD del Bersani post-schiaffoni in diretta streaming, che in soldoni ha accusato lo stato di essere responsabile delle cinque (5!) scosse di terremoto che hanno provocato – tra le altre cose – la caduta del già lesionato campanile di Amatrice.  La straordinaria dichiarazione è stata la seguente: “Il campanile di Amatrice è il simbolo dei ritardi del governo”. Insomma, anche il terremoto è colpa del PD.

Non si lancia, nemmeno ci prova, l’ex webmaster, in un’analisi di ciò che sta accadendo nelle zone terremotate; in un racconto delle condizioni. Non cita le 45mila scosse che dal 24 agosto ad oggi (una ogni 5 minuti) hanno scosso il centro Italia. A lui non interessano i fatti, a lui interessano le colpe. Come alla maggior parte degli Italiani. Che nel dar la colpa agli altri sono perfettamente in linea con Luigino ex-webmaster. E quest’ultimo fa a gara con Salvini nello sciacallagio post-tragedie. Per ragionare seriamente sulle questione senza dire dimaiate basterebbe fare come Lorenza Morello, conosciuta civilista spesso ospite delle trasmissioni tv più seguite, che abbiamo l’onore di ospitare sulle nostre pagine: in soldoni, basterebbe ragionare.

 

Luigino Di Maio ritorna così prepotentemente sulle prime pagine dei quotidiani con l’ennesima imbecillaggine che non fa tanto (dis)onore a lui, ma rende sempre più colpevoli d’inciviltà coloro che nella sue dichiarazioni si riconoscono. L’ex webmaster è del resto uno che la carriera l’ha fatta veloce e facile: è uno stimato costituzionalista che dà lezioni sulla Costituzione a Mattarella pur senza essersi nemmeno laureato; è vicepresidente della Camera senza sapere nulla di politica; è esperto di terremoti grazie alla sua esperienza come steward allo stadio San Paolo; è un volto televisivo tra i più conosciuti pur non avendo niente da dire; grida e sbraita che in Italia non funziona nulla e che tutto va cambiato e vota “No” ad ogni provvedimento che ad un cambiamento miri; è un paladino dei Diritti Umani che ha votato contro la legge sulle Unioni Civili. Ora che è pure diventato un luminare del perché e percome succedono i disastri naturali, ci aspettiamo che proponga a livello mondiale, e mondialmente, almeno la riforma della Scala Richter. In qualche modo bisogna pur passare alla storia.

 

(19 gennaio 2017)

 




 

 

 

 

 

 

©gaiaitalia.com 2017 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

Comments

comments

gaiaitalia.com

x

Check Also

“Ti facciamo abortire negra di m…”, l’allegra giovane coppia formata da lei e lui esempio di odio razzista

Share this on WhatsAppdi Giancarlo Grassi, twitter@gaiaitaliacom     Eccoli là sull’autobus a Rimini, in tempo di vacanze, lei 19enne, lui 22enne. Una mano si infila abile e silenziosa in una borsa e ne estrae un cellulare. La proprietaria, una donna africana che aspetta un bambino, se ne accorge e ...

Attentato a Barcellona: dodici morti e sessantaquattro feriti. Due arresti e due ricercati

Share this on WhatsAppdi G.G., twitter@gaiaitaliacom     (aggiornamento 17/08/2017, ore 20.00) Sono almeno dodici i morti nell’attentato islamista che ha colpito Barcellona attorno alle 17.00 del 17 agosto. Secondo alcune notizie i terroristi sarebbero asserragliati in un bar. Altre notizie smentiscono questa versione. I Mossos D’Esquadra riferiscono con un ...

Il PIL è aumentato “Perché ha fatto caldo”: Barbara Lezzi del M5S è da Premio Ignobel

Share this on WhatsAppdi Giovanna Di Rosa, twitter@gaiaitaliacom   Lei è la “stellare” esponente del M5S Barbara Lezzi, profonda conoscitrice dell’economia e dei suoi meccanismi, deputata nel parlamento italiano per volere del Sacro Blog, l’ennesima miracolata per intenderci, che in mezzo alla calura ferragostiana, colta da subitaneo fragore neuronico dopo ...

Il “non sono razzista, la mia ragazza è straniera”, sostituisce l’obsoleto “ho tanti amici gay”

Share this on WhatsAppdi Il Capo, twitter@gaiaitaliacom     Un tempo erano di moda dire “Io non ho niente contro i gay, ho tanti amici gay“, specializzato nella locuzione il triste senatore Giovanardi così terrorizzato dall’idea di finire all’inferno che gli toccherà finirci sul serio; era come quando si diceva ...

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne clicca su "leggi di più". Questo sito utilizza cookies di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi