Da non perdere
Home / Notizie / Come se fosse una cosa seria / Ci chiedevamo se Luigi Di Maio avesse già proposto la modifica della Scala Richter

Ci chiedevamo se Luigi Di Maio avesse già proposto la modifica della Scala Richter

foto: ANSA/ALESSANDRO DI MEO

di Giovanna Di Rosa

 

 

 

 

 

Puntuale come la morte, nell’immediato post-terremoto, è arrivata la demenziale dichiarazione urbi et orbi di Luigino Di Maio, vicepresidente della Camera coi voti del PD del Bersani post-schiaffoni in diretta streaming, che in soldoni ha accusato lo stato di essere responsabile delle cinque (5!) scosse di terremoto che hanno provocato – tra le altre cose – la caduta del già lesionato campanile di Amatrice.  La straordinaria dichiarazione è stata la seguente: “Il campanile di Amatrice è il simbolo dei ritardi del governo”. Insomma, anche il terremoto è colpa del PD.

Non si lancia, nemmeno ci prova, l’ex webmaster, in un’analisi di ciò che sta accadendo nelle zone terremotate; in un racconto delle condizioni. Non cita le 45mila scosse che dal 24 agosto ad oggi (una ogni 5 minuti) hanno scosso il centro Italia. A lui non interessano i fatti, a lui interessano le colpe. Come alla maggior parte degli Italiani. Che nel dar la colpa agli altri sono perfettamente in linea con Luigino ex-webmaster. E quest’ultimo fa a gara con Salvini nello sciacallagio post-tragedie. Per ragionare seriamente sulle questione senza dire dimaiate basterebbe fare come Lorenza Morello, conosciuta civilista spesso ospite delle trasmissioni tv più seguite, che abbiamo l’onore di ospitare sulle nostre pagine: in soldoni, basterebbe ragionare.

 

Luigino Di Maio ritorna così prepotentemente sulle prime pagine dei quotidiani con l’ennesima imbecillaggine che non fa tanto (dis)onore a lui, ma rende sempre più colpevoli d’inciviltà coloro che nella sue dichiarazioni si riconoscono. L’ex webmaster è del resto uno che la carriera l’ha fatta veloce e facile: è uno stimato costituzionalista che dà lezioni sulla Costituzione a Mattarella pur senza essersi nemmeno laureato; è vicepresidente della Camera senza sapere nulla di politica; è esperto di terremoti grazie alla sua esperienza come steward allo stadio San Paolo; è un volto televisivo tra i più conosciuti pur non avendo niente da dire; grida e sbraita che in Italia non funziona nulla e che tutto va cambiato e vota “No” ad ogni provvedimento che ad un cambiamento miri; è un paladino dei Diritti Umani che ha votato contro la legge sulle Unioni Civili. Ora che è pure diventato un luminare del perché e percome succedono i disastri naturali, ci aspettiamo che proponga a livello mondiale, e mondialmente, almeno la riforma della Scala Richter. In qualche modo bisogna pur passare alla storia.

 

(19 gennaio 2017)

 




 

 

 

 

 

 

©gaiaitalia.com 2017 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

Comments

comments

Server dedicato
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne clicca su "leggi di più". Questo sito utilizza cookies di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi