Pubblicità
12.9 C
Roma
13.7 C
Milano
Pubblicità
PubblicitàBritish School Banner 2023
PubblicitàLancio Master 2023 Limited Edition
Pubblicità
Pubblicità
HomeCopertinaErdogan voleva prove, Putin gliele offre in conferenza stampa. Lui invece di...

Erdogan voleva prove, Putin gliele offre in conferenza stampa. Lui invece di dimettersi grida “Calunnie!”

Russia Turchia Petrolio Califfato 00di Il Capo

 

 

Putin aveva lanciato accuse pesantissime dicendo che Erdogan faceva affari con l’Isis, importando il petrolio del Califfato Nero clandestinamente attraverso la Siria. Il presidente turco, l’islamista che qualcuno vorrebbe in Europa per fare un favore alla Nato, un dittatore infido e viscido che ha scatenato la guerra interna al giornalista ed alle minoranze e sta distruggendo un paese che è una perla con la forza del suo integralismo, aveva sfidato l’Orso Russo, dicendo che se avesse portato le prove del su coinvolgimento e di quello della sua famiglia si sarebbe dimesso da Presidente.

 

Ieri Putin, in una conferenza stampa organizzata per l’occasione, attraverso il suo portavoce e ministro della Difesa, uomo potentissimo che è nelle grazie del presidente russo, ha fornito alla comunità internazionale le “prove” del coinvolgimento della famiglia Erdogan nl traffico di petrolio dal Califfato Nero. Lo fa con immagini chiarissime che manda in mondovisione attraverso i suoi canali televisivi.

 

EPA/YURI KOCHETKOV
EPA/YURI KOCHETKOV

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Erdogan è furioso, gli Stati Uniti lo spalleggiano. Mosca se ne frega e va avanti. Parla di 200mila barili al giorno.

 

“In base alle informazioni disponibili il massimo livello della leadership politica del paese, il presidente Erdogan e la sua famiglia sono direttamente coinvolti in questa attività criminale” (…) “Le dimissioni di Erdogan non sono il nostro fine, è un compito che spetta al popolo turco” (…) “In Occidente nessuno si pone domande sul fatto che il figlio del presidente turco è a capo della più grande compagnia energetica, o che il suo genero è stato nominato ministro dell’Energia (…) Che meravigliosa famiglia d’affari! Il cinismo della leadership turca non conosce limiti” (…) “A voi giornalisti stiamo presentando una serie di prove inconfutabili, non solo sul traffico di petrolio, ma anche sul traffico di armi attraverso il confine turco-siriano” (…) “la coalizione internazionale a guida Usa non conduce raid aerei contro le autocisterne e le infrastrutture dell’Is in Siria per la produzione e il commercio del petrolio”.

 

“Nessuno ha il diritto di calunniarci”,grida Erdogan. Ribadisce di essere pronto a dimettersi nel caso in cui la Russia provi le sue accuse. Parla di valori, perché oltre alla misignia ed all’odio per la libertà di opinione ne ha anche qualcun altro. Il Pentagono definisce le accuse russe “assurde”. Una nota aggiunge: “Non possiamo accettare l’idea che la Turchia stia lavorando con l’Is. È totalmente assurdo”,  a parlare è  il portavoce del Pentagono Steve Warren. E ricorda che la Turchia partecipa attivamente ai raid della coalizione contro il Califfo Nero, peccato che mezzo mondo sappia che in realtà la Turchia bombarda i Curdi.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

(3 dicembre 2015)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

©gaiaitalia.com 2015 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

In Evidenza