Pubblicità
27.7 C
Roma
27.6 C
Milano
domenica, Aprile 14, 2024
Pubblicità
PubblicitàBritish School Banner 2023

POLITICA

PubblicitàLancio Master 2023 Limited Edition

ESTERI

Pubblicità
Pubblicità
HomeLGBTIQ+Africa & Maghreb lgtbUganda, le leggi antigay non sono antigay

Uganda, le leggi antigay non sono antigay

GAIAITALIA.COM NOTIZIE anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

Ugandadi Daniele Santi

I fantasiosi governanti ugandesi stanno mobilitando i loro inutili neuroni per giustificare l’ingiustificabili: le loro ultime affermazioni hanno a che fare con le orribili leggi antigay del paese che… Non sono antigay!

Sono invece leggi atte a “non promuovere l’omosessualità a discapito di bambini ed altri gruppo socialmente vulnerabili”.  Secondo i rari neuroni funzionanti nelle inutili teste dei fantasiosi governanti ugandesi la legge è “stata travisata a bella posta dai partners cmmerciali occidentali dell’Uganda”, e descritta come una legge “punitiva e discriminatoria”.

E’ notizia dell’ultima ora che gli omosessuali ugandesi finiscono in carcere per libera scelta, picchiando le guardie se non li lasciano entrare e chiedendo mattina e sera di non essere rilasciati, contenti di subire persecuzioni, violenze sessuali, discriminazioni e di avere libero accesso ai quattordici anni di carcere (questo la legge prevede per le persone omosessuali recidive [sic]) che gentilmente si offrono loro come alternativa ad una vita di stenti, poco lavoro e  merda (in senso lato) quotidiana.

 

 

 

 

 

 

 

(8 luglio 2014)

 

 

 

 

 

 

 

 

 
©gaiaitalia.com 2014
diritti riservati
riproduzione vietata

 

 

 

 

Pubblicità

LEGGI ANCHE