20.7 C
Roma
17.8 C
Milano
Pubblicità
Pubblicità
Torino
nubi sparse
13.6 ° C
15.5 °
12.1 °
96 %
2.6kmh
62 %
Mar
21 °
Mer
22 °
Gio
25 °
Ven
26 °
Sab
24 °

POLITICA

Pubblicità

ALTRA POLITICA

Pubblicità

ESTERI

Pubblicità
HomeLGBTIQ+Africa & Maghreb lgtbNigeria, pestati e torturati per presunti rapporti omosessuali e sottoposti a pubblico...

Nigeria, pestati e torturati per presunti rapporti omosessuali e sottoposti a pubblico giudizio

Pubblicità
GAIAITALIA.COM NOTIZIE anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

Nigeria-Flag-Mapdi Paolo M. Minciotti

Secondo l’organizzazione per i diritti umani Centre for Reproductive Health and Sexual Rights, quattro giovani tra i 20 e i 22 anni, arrestati con altre dozzine di persone per omosessualità, hanno confessato il loro “crimine” dopo essere stati pestati in carcere dalla Polizia e hanno poi ripetuto la confessione in un pubblico processo (contrario alle Leggi della Nigeria, ma chi se ne frega!), salvandosi dalla lapidazione perché le sodomie [sic] sono fatti accaduti in passato e non sono più stati ripetuti.

I quattro sono stati condannati a quindici frustate, come confermato dalla BBC, e ad un anno di prigione oppure a 120 dollari di multa che dovranno pagare per evitare il carcere.

Secondo l’associazione ed il sito Gaystarnews i quattro rischiano violenze – non solo sessuali – in carcere grazie alla sharia in vigore nel nord della Nigeria, nella citta di Bauchi, dove i fatti sono accaduti, e sono stati fortunati a non essere stati condannati a morte per lapidazione.

Nel nord della Nigeria, a maggioranza musulmana, così attenta alle “perversioni” è in vigore anche una legge sulle spose-bambine di cui le sentinelle della morale che pestano, umiliano e condannano gli omosessuali si guardano bene dal parlare

 

 

 

 

©gaiaitalia.com 2014
diritti riservati
riproduzione vietata

[useful_banner_manager banners=1 count=1]

 

 

Roma
nubi sparse
20.7 ° C
21.8 °
18 °
41 %
0.5kmh
65 %
Mar
26 °
Mer
28 °
Gio
31 °
Ven
34 °
Sab
37 °
Pubblicità

LEGGI ANCHE