33.1 C
Roma
29.6 C
Milano
Pubblicità
Pubblicità
Torino
nubi sparse
25.8 ° C
27 °
24.4 °
62 %
2.7kmh
81 %
Gio
25 °
Ven
24 °
Sab
26 °
Dom
30 °
Lun
29 °

POLITICA

Pubblicità

ALTRA POLITICA

Pubblicità

ESTERI

Pubblicità
HomeL'EditorialeOra Meloni avrebbe voglia di presidenzialismo

Ora Meloni avrebbe voglia di presidenzialismo

Pubblicità
GAIAITALIA.COM NOTIZIE anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

di Giancarlo Grassi

Gole profonde parlamentari citate da Repubblica riferiscono di una Meloni con forti mal di pancia tentatissima da elezioni anticipate – come se non ci potessero essere altri governi possibili – ma qui sta il gioco: per come funziona il nostro sistema se lei si dimettesse si dovrebbe/potrebbe trovare una nuova maggioranza alla quale lei non parteciperebbe così da poter incolpare di golpe ribaltoni l’eventuale nuovo governo e convincere i gonzi della necessità di presidenzialismo. Che sarebbe il suo nuovo obbiettivo, a conferma dell’amore per la democrazia che la contraddistingue.

E come non capirla? Il suo vicepremier Salvini se ne va con Orbán proprio nel mezzo di una procedura d’infrazione contro l’Italia, lei sarà costretta alla questua delle spiegazione di qua e di là dell’Atlantico; la politica neosovranista nel gruppo dei filoputiniani del suo ministro delle Insfrastrutture ora con i Patrioti di Orbán metterà totalmente in discussione il profilo atlantista democratico della presidente del Consiglio che non vorrebbe chiedere mai. L’Autonomia Differenziata è nata morta, e i referendum in arriva l’affosseranno definitivamente (per non parlare dei ricorsi alla Consulta già pronti) e anche la sua idea meravigliosa del premierato potrebbe non andare a buon fine. E lei potrebbe essere affossata da una bocciatura al referendum (Renzi insegna). Infine, dettaglio irrilevante per una che vive di propaganda, in cassa non c’è un soldo e si deve per forza continuare a ricorrere ai sogni: gli stessi grazie ai quale dal 26% del 2022 raggiunto con promesse mai mantenute l’ha portata al 28,8% del 2024 con promesse impossibile da mantenere.

Occorre dunque un bagno di realtà e non resta che far saltare il banco: perché se lei fa saltare il banco – ne avrebbe parlato con i fedelissimi di cui si fida e avrebbe ipotizzato un reset per arrivare al presidenzialismo perché il potere assoluto rimane l’unica via quando non si sa che fare – facendo cadere questo governo, portando il paese a nuove elezioni (che nei suoi calcoli dovrebbe stravincere) potrebbe virare alla forma di potere personale che più le si confà. Quello assoluto. A dimostrazione che le sue parole su patriottismo, popolo e democrazia sono, per l’appunto, parole. Forse dovrà fare i conti con il nostro ordinamento. E con Marina Berlusconi. Ma sono dettagli che lei ritiene probabilmente irrilevanti.

 

 

(4 luglio 2024)

©gaiaitalia.com 2024 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

 

 

 

 



Roma
poche nuvole
33.1 ° C
34.4 °
30.7 °
43 %
5.7kmh
20 %
Gio
33 °
Ven
35 °
Sab
36 °
Dom
37 °
Lun
38 °
Pubblicità

LEGGI ANCHE