Pubblicità
lunedì, Aprile 22, 2024
11.9 C
Roma
6.9 C
Milano
Pubblicità
PubblicitàBritish School Banner 2023

POLITICA

PubblicitàLancio Master 2023 Limited Edition

ESTERI

Pubblicità
Pubblicità
HomeCopertinaMetti che si introducessero test attitudinali anche per i politici, fino al...

Metti che si introducessero test attitudinali anche per i politici, fino al verificarne il livello culturale e la comprensione dei testi

GAIAITALIA.COM NOTIZIE anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

di Paolo M. Minciotti

Non è che uno si sveglia la mattina e decide di essere quello che la scrive più brillante, però l’unica risposta seria che viene all’idea meravigliosa dei test attitudinali per i Magistrati è di rispondere con proposte di test attitudinali anche per i politici, onde verificarne il livello culturale, la comprensione dei testi, la capacità eventualmente di scriverne e la loro propensione alla conservazione della democrazia. Non la loro idea di democrazia, la democrazia legata alla Costituzione, dal primo all’ultimo articolo, norma transitorie comprese. E nemmeno il maneggiare pistole a cazzo (scusate l’arditissimo accostamento) in feste di Capodanno di cui poi si è costretti a leggere per decenni.

Se poi in un afflato di umana bontade e umanissima caritate si volesse anche procedere ai controlli su possibile uso di droghe, eccessi con l’alcol ed eventuali altre forme di edonismo godereccio (adoro essere pleonastico) che potessero in qualche modo inibire la capacità di intendere e di volere – quando questa non sia genetica, come alcuni tristissimi casi parrebbero stare lì a confermare – e andare contro al giuramento di prestare fedeltà alla Repubblica nel nome del bene comune e non secondo il principio del facciamo tutti un po’ quello che cazzo ci pare non sarebbe nemmeno una disgrazia così disgraziata.

Sarebbe il miglior modo per dare il benvenuto all’ennesima norma propagandista di questo governo boccalone che ha deciso di approntare un esame (uno in più) che ha chiamato test attitudinale per verificare l’idoneità dei Magistrati, come se non bastassero gli esami che già devono affrontare, quando il governo ha tra i suoi ministri rappresentanti che parlano un’italiano imbarazzante, senza riuscire ad esprimere un concetto che vada oltre i quattro verbi che conoscono. E non c’è bisogno di fare nomi e cognomi. Stanno lì e sono visibili. E hanno stipendi invidiabili (mi serviva una chiosa, sarà populista, ma è vera).

 

 

(27 marzo 2024)

©gaiaitalia.com 2024 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 





 

 

 

 

 

 

 



Pubblicità

LEGGI ANCHE