Pubblicità
lunedì, Aprile 22, 2024
11.9 C
Roma
6.9 C
Milano
Pubblicità
PubblicitàBritish School Banner 2023

POLITICA

PubblicitàLancio Master 2023 Limited Edition

ESTERI

Pubblicità
Pubblicità
HomeCopertinaFratelli & Coltelli d'Italia: Salvini all'angolo sbraita nonostante sappia di essere afono

Fratelli & Coltelli d’Italia: Salvini all’angolo sbraita nonostante sappia di essere afono

GAIAITALIA.COM NOTIZIE anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

Il problema si chiamerebbe Luca Zaia. Salvini lo vuole in Veneto per il terzo mandato che sarebbe il quarto – per tenerlo lontano dalla poltrona di segretario della Lega – e Meloni e sorelle e cognati d’Italia vogliono invece un loro uomo alla guida del Veneto. Salvini è incazzato come una biscia e sibila: “In Veneto la Lega va da sola”, ma poi la dichiarazione è sparita. Ma non c’è bisogno di dichiarare.

Ha sbraitato per Solinas, e gli hanno detto ciao ciao; ha sbraitato per l’emendamento sul Ponte sullo Stretto, e gli hanno detto ciao ciao; ha sbraitato pro-trattori, e il governo va avanti da solo; ha sbraitato sui 30kmh (questo prima dei trattori) e da Bologna gli è arrivata una risposta che è un uppercut; sbraita e pontifica su tutto e nessuno gli dà retta, a parte il suo vicesegretario-clone (quello del battutone “Sono etero, spero non dispiaccia”, dicono si chiami Crippa, ma non ci si ricorda, appare e scompare, una luce a intermittenza, diciamo); sbraita su Zaia e questo gli ricorda che è curioso e “fa anche un pò sorridere, pensare che l’unico dibattito di questo Paese sia il sottoscritto”; poi il cognato d’Italia Lollobrigida picchia più duro: “Si vota con il proporzionale, è normale che ognuno voglia distinguersi; l’elettore del centrodestra vuole l’unità e punisce chi lavora per dividere. È già successo” e butta lì il tristo destino di Gianfranco Fini; non gli è riuscito nemmeno il blitz sull’irpef con Meloni prontissima a dire: “Il provvedimento sull’Irpef – scrive l’Huffington Post – è stato proposto dal governo su mio preciso indirizzo”.

Lui grida e grida, scende nei sondaggi, sale le scale, si occupa di tutto – anche e soprattutto di ciò che non conosce – in un iperpresenzialismo Zelig-caricaturale che nemmeno gli lascia il tempo di accorgersi di essere afono e invisibile. Perché chi porta voti alla Lega, Luca Zaia, in realtà non lo contesta nessuno a destra. E’ Salvini che lo vuole in Veneto a tutti i costi per non averlo tra i piedi.

 

(15 febbraio 2024)

©gaiaitalia.com 2024 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

 

 

 



Pubblicità

LEGGI ANCHE