Giorgia Meloni irritata: “Servirebbe più sobrietà”. Senti da che pulpito…

Pubblicità

Condividi

di Daniele Santi

Le scorribande di Matteo Salvini irritano fortissimamente, dicono le cronache comuniste [sic], la premier da incaricare Meloni che reclama dal profondo del suo umore nerissimo una “maggiore sobrietà”. Capite? Lei. Principessa dell’ugola strapazzata, lei che paonazza grida n’importe quoi (tanto lei è poliglotta) a Giuseppe Conte – quel politico che è diventato primo partito del Sud senza avere mai parlato del sud, misteri gattopardeschi – lei che non importa la bronchite ha gridato qualsiasi cosa dall’Italia alla Spagna, con parentesi al gruppo Conservatore di Bruxelles; lei reclama una “maggiore sobrietà”.

Il problema è sempre quello: si chiama Viminale, lui lo vuole e lei non glielo darà; lui avanza una lista di Ministri e lei vuol fare quello che vuole (ha il triplo dei voti del Truce); lui invoca Mattarella, lei sa che Mattarella farà il suo mestiere; lei sa che mancano i presidenti di Camera e Senato, che non c’è un governo, che Putin ce lo sta mettendo nel culo mentre lui reclama poltrone; così non le resta che una scelta di distinzione: reclamare “serietà”.

Avrà messo in conto che potrebbe non avere i voti in Parlamento o ci saranno già Renzi e Calenda (e perché non Conte) pronti a darle la bombola d’ossigeno che necessita?

Noi, che non voteremmo Meloni e il suo partito per nessun motivo al mondo, riteniamo che avendo  vinto le elezioni Meloni debba andare fino in fondo al suo mandato, anche se dovesse durare solo un anno, e poi elezioni. E ci auguriamo che Meloni, e almeno una parte dei suoi, abbiano imparato la lezione di quella destra sociale certamente spudorata come quella attuale nei modi, ma che almeno il senso delle istituzioni ce l’aveva. E voglia pensare a riformare questa legge elettorale rispetto alla quale il porcellum era un capolavoro di sobrietà istituzionale. Per stare in tema.

Altro che reclamare serietà e sobrietà. Qui c’è un governo che non nasce, tra veti incrociati e sete di potere. E’ davvero la solita destra granitica che pur di tenere graniticamente in mano il potere se ne fotte del paese fino a quando i suoi giocattoli non sono tutti allineati sugli scaffali.

 

(5 ottobre 2022)

©gaiaitalia.com 2022 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

 

 



Pubblicità

altre notizie

I No Green pass chiamano il 112 della Polizia per dire che la Polizia li blocca senza sapere che al 112 risponde la Polizia

di Daniele Santi, #poverinoi Così, visto che erano circondati dalla polizia, per dirla alla Ridolini cercando di evocare le espressioni soddisfatte...

Quelli che “già a Pompei” c’era un “mosaico” che “conteneva un QR code per il Green pass”

di Giovanna Di Rosa, #bufale E' proprio quella magnifica invenzione che è Bufale.net a riportare la notizia. I creduloni...

David Sassoli ricoverato in ospedale in Italia dal 26 dicembre

di Redazione Politica Il presidente del parlamento europeo David Sassoli è ricoverato dal 26 dicembre in ospedale in Italia per complicazioni...

Iran. Ventenne decapitato dalla famiglia perché omosessuale

di Ragazzi di Tehran, #Iran Aveva 20 anni e si chiamava Alireza Monfared. Aveva vent'anni e voleva una nuova vita....
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: