26.5 C
Roma
21.7 C
Milano
Pubblicità
Pubblicità
Torino
cielo sereno
20.2 ° C
20.5 °
17.4 °
60 %
2.1kmh
0 %
Mar
20 °
Mer
23 °
Gio
24 °
Ven
26 °
Sab
21 °

POLITICA

Pubblicità

ALTRA POLITICA

Pubblicità

ESTERI

Pubblicità
HomeNotizieGiorgia Meloni irritata: "Servirebbe più sobrietà". Senti da che pulpito...

Giorgia Meloni irritata: “Servirebbe più sobrietà”. Senti da che pulpito…

Pubblicità
GAIAITALIA.COM NOTIZIE anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

di Daniele Santi

Le scorribande di Matteo Salvini irritano fortissimamente, dicono le cronache comuniste [sic], la premier da incaricare Meloni che reclama dal profondo del suo umore nerissimo una “maggiore sobrietà”. Capite? Lei. Principessa dell’ugola strapazzata, lei che paonazza grida n’importe quoi (tanto lei è poliglotta) a Giuseppe Conte – quel politico che è diventato primo partito del Sud senza avere mai parlato del sud, misteri gattopardeschi – lei che non importa la bronchite ha gridato qualsiasi cosa dall’Italia alla Spagna, con parentesi al gruppo Conservatore di Bruxelles; lei reclama una “maggiore sobrietà”.

Il problema è sempre quello: si chiama Viminale, lui lo vuole e lei non glielo darà; lui avanza una lista di Ministri e lei vuol fare quello che vuole (ha il triplo dei voti del Truce); lui invoca Mattarella, lei sa che Mattarella farà il suo mestiere; lei sa che mancano i presidenti di Camera e Senato, che non c’è un governo, che Putin ce lo sta mettendo nel culo mentre lui reclama poltrone; così non le resta che una scelta di distinzione: reclamare “serietà”.

Avrà messo in conto che potrebbe non avere i voti in Parlamento o ci saranno già Renzi e Calenda (e perché non Conte) pronti a darle la bombola d’ossigeno che necessita?

Noi, che non voteremmo Meloni e il suo partito per nessun motivo al mondo, riteniamo che avendo  vinto le elezioni Meloni debba andare fino in fondo al suo mandato, anche se dovesse durare solo un anno, e poi elezioni. E ci auguriamo che Meloni, e almeno una parte dei suoi, abbiano imparato la lezione di quella destra sociale certamente spudorata come quella attuale nei modi, ma che almeno il senso delle istituzioni ce l’aveva. E voglia pensare a riformare questa legge elettorale rispetto alla quale il porcellum era un capolavoro di sobrietà istituzionale. Per stare in tema.

Altro che reclamare serietà e sobrietà. Qui c’è un governo che non nasce, tra veti incrociati e sete di potere. E’ davvero la solita destra granitica che pur di tenere graniticamente in mano il potere se ne fotte del paese fino a quando i suoi giocattoli non sono tutti allineati sugli scaffali.

 

(5 ottobre 2022)

©gaiaitalia.com 2022 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

 

 



Roma
nubi sparse
26.5 ° C
28.9 °
23.7 °
48 %
2.2kmh
75 %
Mar
26 °
Mer
29 °
Gio
31 °
Ven
35 °
Sab
35 °
Pubblicità

LEGGI ANCHE