18.7 C
Roma
19.6 C
Milano
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

POLITICA

PubblicitàLancio Master 2023 Limited Edition

ESTERI

Pubblicità
HomeDico quello che mi pare..."Finalmente chiude una delle peggiori campagne elettorali che il nostro Paese si...

“Finalmente chiude una delle peggiori campagne elettorali che il nostro Paese si ricordi”, così Claudio Desirò segretario di Italia Liberale Popolare

Pubblicità
GAIAITALIA.COM NOTIZIE anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

di Redazione Politica

“Siamo finalmente giunti alle ultime ore di una delle peggiori campagne elettorali che il nostro Paese si ricordi, condita di slogan e povera di contenuti”; così Claudio Desirò, Segretario di Italia Liberale Popolare, commenta così la conclusione della campagna elettorale in corso in una nota stampa inviata in redazione.

“Una corsa divisiva che ha visto il centrosinistra urlare al rischio democratico suddividendo gli italiani in buoni e cattivi, contrapporsi ad un centrodestra capace di proporre slogan al ribasso privi di copertura e di contenuto concreto”, aggiunge.

“Una campagna elettorale all’insegna dell’assistenzialismo proposto sopratutto da PD e 5 stelle per accaparrarsi simpatie ed assicurarsi voti, noncuranti delle ripercussioni su debito e crescita, contrapposto ad un centrodestra che si è raccontato unito, ma in realtà diviso profondamente su diversi temi”, continua Desirò.

“Domenica gli italiani saranno chiamati alle urne ed il mio, il nostro auspicio, è che decidano di votare per i candidati dei propri collegi che si sono tenuti lontani da demagogia ed ideologismi, concentrandosi su temi concreti, affrontando problemi complessi con altrettanta complessità delle idee. Per il nostro Paese questa tornata elettorale sarà un importante crocevia per il futuro e c’è la necessità di avere una rappresentanza parlamentare di alta qualità, che non ragioni per slogan o ideologie, ma che possa decidere con razionalità e competenza”, conclude Desirò.

 

(23 settembre 2022)

©gaiaitalia.com 2022 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 




 

 

 

 

 

 

 

 

 


Pubblicità

LEGGI ANCHE