18 C
Roma
14.7 C
Milano
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

POLITICA

PubblicitàLancio Master 2023 Limited Edition

ESTERI

Pubblicità
HomeLa ProvocazioneIngerenze Russia in Italia. Per Salvini, "i vostri ministri si dimettono?" è...

Ingerenze Russia in Italia. Per Salvini, “i vostri ministri si dimettono?” è la “propaganda delle sinistre”: il leghista ha già liquidata la questione

Pubblicità
GAIAITALIA.COM NOTIZIE anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

di Daniele Santi

La questione è serissima e se le indiscrezioni riportate da il quotidiano La Stampa fossero vere anche in minima parte saremmo di fronte a qualcosa di profondamente inquietante: al solito Salvini liquida tutto in diretta televisiva su La7 con poca eleganza e la consueta caustica sciatteria citando a sproposito la propaganda di “sinistra” e la “politica seria”, che sarebbe la sua.

Ma è stato il suo partito a firmare un accordo di collaborazione politica con quello di Putin, non il PD, accordo che non si sa se sia ancora valido – Salvini di ce di no. Ciò che viene fuori è che ci sarebbe un ipotetico sostegno di Salvini alla volontà russa di intromettersi nella politica italiana, con il funzionario dell’ambasciata russa in Italia Oleg Kostyukov in primo piano: cosa che sarebbe gravissima. Scrive infatti La Stampa che nei colloqui segreti di fine maggio il funzionario dell’ambasciata russa Kostyukov domandò all’emissario di Salvini: i ministri leghisti sono intenzionati a dimettersi?

E ci sarebbero documenti dell’intelligence a provarlo. Ora si dovrà mettere di mezzo il Copasir per andare a capire quanto c’è di vero, e Salvini potrebbe – per una volta – evitare di sventagliare accuse sulla sinistra e spiegare cosa c’è di vero e di falso in questo rapporto tra la Lega di Salvini e la Russia di Putin. Permetterebbe così alle autorità competenti, anche a loro, e al popolo di cui tanto si riempie la bocca, di capire. ma come per i famosi 49 milioni desaparecidos non ci si aspetta più chiarezza di tanto. Toccherà, per l’ennesima volta, stare ad aspettare. Magari per niente.

 

(28 luglio 2022)

©gaiaitalia.com 2022 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

 

 

 



Pubblicità

LEGGI ANCHE