Home / Copertina / Lorenza Morello. “La Mala-Fede: Coronavirus, Papa Francesco e Dintorni”

Lorenza Morello. “La Mala-Fede: Coronavirus, Papa Francesco e Dintorni”

di Lorenza Morello #Politica twitter@gaiaitaliacom #lorenzamorelloce

 

Da giorni, e in maniera sempre più importante e massiva, stiamo assistendo ad una campagna di comunicazione che pare abbastanza univoca e omologata: persino Papa Francesco e molti giornalisti o anchor woman (non ultima Lilly Gruber che ultimamente ha assunto un atteggiamento alquanto discutibile e tutto fuorché imparziale) raccontano incessantemente che la colpa del fatto che in Italia la sanità sia messa come è messa sia da imputarsi agli evasori che, addirittura, in un eccesso di zelo qualche sera fa, sono stati definiti “assassini” dal sempre sul pulpito Marco Travaglio.

Ebbene, cerchiamo di chiarire qualche punto: posto che qui non c’è nessuno che giustifichi l’evasione in quanto tale, riversare sempre sul popolo le carenze dello stato sta diventando un gioco che ha stufato molti, non ultimo la sottoscritta. Cerchiamo allora, per amor di giustizia, di fare un po’ di chiarezza. La sanità è stata oggetto di dieci e più anni di tagli continui.

Gli elementi di maggior criticità sono la scarsa disponibilità di personale e di posti letto per far fronte ai casi che richiedono cure ospedaliere.

Secondo uno studio del centro di ricerche indipendente Gimbe, fra il 2010 e il 2019 c’è stato un progressivo definanziamento della sanità pubblica. O meglio: c’è stato un aumento di risorse per 8,8 miliardi, ma l’incremento è stato inferiore al tasso d’inflazione producendo di fatto una decurtazione del budget. Inoltre, la politica ha favorito la nascita di assicurazioni e fondi sanitari per compensare il ridimensionamento della spesa in sanità, andando a vantaggio solo di alcune categorie di persone e mettendo a rischio l’universalità del servizio.

In dieci anni sono sono stati sottratti al Sistema Sanitario Nazionale 37 miliardi.
Tutto è iniziato con il governo Monti. La spending review ha portato in dote una sforbiciata alla spesa sanitaria da 6,8 miliardi fino al 2015. Da allora le cose sono andate sempre peggio. In nome del risanamento dei bilanci locali e delle aziende sanitarie sono scattati i piani di rientro per le Regioni. Così i governatori hanno tagliato ancora.
Nel Lazio, ad esempio, Zingaretti ha cassato 3.600 posti letto e chiuso diversi ospedali. In compenso il bilancio regionale della sanità è tornato in positivo, ma il prezzo da pagare per la collettività è stato alto in termini di costi e servizi. E oggi, tutto ciò limita la nostra libertà.
Secondo l’Ufficio parlamentare di bilancio, “le risorse per il personale sono scese di due miliardi fra il 2010 e il 2018. Ma per Gimbe le cose starebbero anche peggio: nello stesso periodo dei 37 miliardi di risparmi, almeno il 50% dei tagli è stato ‘scaricato’ sul personale dipendente e convenzionato riducendo di fatto i servizi per i cittadini”.
Il numero di posti letto per 1.000 abitanti negli ospedali è sceso di gran lunga sotto la media europea. Secondo il centro studi dell’ufficio parlamentare, l’indicatore era al 3,9 nel 2007 e al 3,2 nel 2017 contro una media europea diminuita da 5,7 a 5.
Anche il ticket è progressivamente aumentato. “In dieci anni, il gettito complessivo dei cosiddetti ticket, escluse le strutture accreditate dove il dato non viene rilevato, è passato da 1,8 miliardi nel 2008 a 3 miliardi nel 2018”.
Il costo della sanità sulle famiglie è dunque aumentato ed è raddoppiata la quota dei più poveri che rinunciano alle cure. E i livelli minimi di assistenza? Una chimera. Così come la diminuzione delle liste d’attesa. Il futuro? Le prospettive non sono affatto rosee. “Per il futuro, le previsioni di spesa sanitaria a legislazione vigente contenute nella Nadef 2019 indicano una ulteriore lieve riduzione in rapporto al Pil, dal 6,6% del 2019 al 6,5% nel 2022”, precisa l’ufficio studi parlamentare. Ma non doveva servire il coronavirus per farci rendere conto della gravità della situazione dei tagli.

Papa Francesco, dal canto suo, se vuole occuparsi delle cose di Cesare, inizi a pagare l’IMU, e solo dopo, se ritiene, si permetta di dare giudizi non richiesti e che sono fin troppo in odore di endorsement.

 

(20 marzo 2020)

©gaiaitalia.com 2020  – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 





 

 

 

 

 

 

 

 

 




Share and Enjoy !

0Shares
0 0 0

Comments

comments

Lascia un Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne clicca su "leggi di più". Questo sito utilizza cookies di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi