Home / lgbti / Quelli che sono censurati da Google e ci chiedono aiuto (e noi glielo diamo) e non dicono neanche grazie

Quelli che sono censurati da Google e ci chiedono aiuto (e noi glielo diamo) e non dicono neanche grazie

di Redazione #LGBTI twitter@gaiaitaliacom #Censure

 

Il 14 giugno scorso abbiamo ricevuto via Twitter una richiesta di aiuto da parte di un blog d’informazione LGBTI – secondo noi assai ben scritto e documentato – che ci chiedeva di unirci a loro nella richiesta a Google di togliere il blocco al blog, dopo – secondo Google – ripetute segnalazioni da parte di utenti.

Avendo noi ricevuti da parte di Facebook una serie infinita di blocchi secondo noi ingiustificati (e il nostro quotidiano non è cambiato da quando i blocchi sono cessati, anzi, è semmai ancora più pungente) abbiamo ritenuto giusto per salvaguardare la libertà del web di cui tutti si riempiono la bocca, inviare un messaggio a Google Italia chiedendo loro di rimuovere il blocco che, conoscendo il blog, ci pare ingiustificato.

Non entriamo nelle policy di Google e nelle ragioni del blocco che non conosciamo, solo due righe per sottolineare che quando siamo stati noi a chiedere aiuto per chiedere a Facebook di rimuovere il blocco nessuno ci ha

  • risposto;
  • degnato di un messaggio o di consderazione;
  • aiutato.

Si scrive per dovere di cronaca e perché, a fronte del nostro post inoltrato ai gestori del blog – del quale speriamo il ritorno alla normalità entro brevissimo tempo perché era voce intelligente – post nel quale annunciavamo il nostro “fatto” relativo all’invio della richiesta di sblocco a Google, nessuna risposta ci è stata inviata. Non un “grazie”, non un “vaffanculo”, non un “crepate”, non un “siete stati molto gentili”. Niente.

E ci sembra, sia detto fuor di polemica, che per i gestori di un blog che si professa contro la discriminazione, l’indifferenza, l’ignoranza, la maleducazione e la poca considerazione degli altri, e che lotta per un mondo più giusto, si tratti di un atteggiamento incoerente, arrogante, maleducato e un po’ pretenzioso che appare davvero fuori luogo.

Per dovere di cronaca, non per cattiveria. Con la sincera speranza che il blog torni ad essere visibile per tutti al più presto. E sapendo che la riconoscenza non è di questo mondo e che l’immaturità di troppo mondo LGBTI che pretende rispetto, ma non lo dimostra a nessuno, è la vera palla al piede della pienezza di diritti della comunità in Italia.

 

 


 

(15 giugno 2019)

©gaiaitalia.com 2019 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 




 

 

 




 

 

 

Comments

comments

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne clicca su "leggi di più". Questo sito utilizza cookies di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi