Home / Notizie / Come se fosse una cosa seria / Zingaretti dice che bisogna “cambiare tutto”… Pessimo segno

Zingaretti dice che bisogna “cambiare tutto”… Pessimo segno

di G.G. #Politica twitter@gaiaitaliacomlo #PD

 

Il nuovo segretario del PD parte con la strada del “cambiare tutto” che ricorda tristemente ciò che il buon (e neanche troppo buon) D’Alema faceva nel ’68 tra cortei e qualche molotov che volava di qua e di là, quando giocava a fare il rivoluzionario e poi abbiamo visto come è finita. Il mondo è più o meno a quel punto là, solo che i suoi abitanti sono un tantinello più incazzati e un tantinello più/meno creduloni (dipende da dove hai il culo di vivere). In questo momento storico, dopo il lavaggio del cervello di trent’anni di demenziale televisione berlusconiana, l’Italia crede a qualsiasi cosa: a qualsiasi Zingaretti, a qualsiasi Salvini, a qualsiasi Di Maio, dunque va bene anche la rivoluzione.

Ma non esageriamo: la rivoluzione del PD zingarettiano sarà digitale, e consisterà in un’operazione a tappe per potenziare la presenza del partito sui social. Lo scrive Repubblica, nuovamente entusiasta bollettino ufficiale del Nazareno o della nuova sede, dopo che Matteo Renzi è stato fatto fuori. A cosa serve la nuova idea meravigliosa del PD? A replicare Rousseau: speriamo con meno falle, più trasparenza, meno fake news, più verità, più chiarezza, sapendo chi ci agisce, interagisce, con nomi, cognomi, visi e programmi. Ed anche il modo di vedersi in faccia ogni tanto.

A cosa servirà la nuova idea meravigliosa del PD? Citiamo ancora Repubblica che parla di “costante monitoraggio dei flussi di informazione, con una task force di “sentinelle dei social”, impegnate a smascherare troll, fake news o notizie virali montate ad arte. E, se è il caso, contrattaccare. La seconda tappa sarà la creazione di una “Piazzaweb social”, un vero e proprio “ecosistema digitale” dove le persone possono dialogare, scambiarsi informazioni, aprire comitati, organizzare iniziative. Un modo concreto, insomma, per far discutere le persone e “aprire” il partito, rendendolo modernamente inclusivo”. Tutto dovrà avvenire entro il mese di aprire quando si aprirà una giornata dove si chiameranno a “raccolta” tutti color che son sospesi, “ovvero quelli che vogliono dare una mano a creare il nuovo “digital party”. Sarà una mobilitazione aperta a tutti, con lo scopo di aggiornare il modello partecipativo del Pd alle modalità e ai sistemi della comunicazione contemporanea”. L’esempio, manco a dirlo, è il partito democratico Usa. Perché da qualche modello bisogna pur partire.

Il tutto avviene dopo l’investitura a segretario di Zingaretti e la proclamazione di Gentiloni presidente del PD.

 




 

(18 marzo 2019)

©gaiaitalia.com 2019 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 





 

 


 

 

Comments

comments

Server dedicato
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne clicca su "leggi di più". Questo sito utilizza cookies di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi