Home / Copertina / A Treviso Bresciano razzismo via referendum

A Treviso Bresciano razzismo via referendum

di G.G.

 

 

 

 

 

Il paesino di 550 anime ha deciso di votare in un referendum se accettare o no 6 (sei!) rifugiati in paese. Lo scrive La Stampa. La democrazia è una cosa seria, così come lo sono l’accoglienza e la cristiana compassione, così ci si affida al referendum ed allo spirito santo, che illumini le decisioni, così ci sarà sempre un povero dio da incolpare. Il referendum, proposto dal geniale Sindaco Mauro Piccinelli con un quesito che la dice lunga su ciò che l’amministratore del paesello pensa dell’immigrazione, recitava: “Volete che sul nostro territorio arrivino dei profughi?” (non “sei” profughi, ma “dei”) e ha interessato tanto i cittadini che a votare si sono recati i 68 che hanno votato “No” e i 46 che hanno votato “Sì”, partecipazione massiccia (attorno al 20%) che rende l’idea dell’interesse che la presenza dei sei rifugiati destava nel paesucolo. Il restante 80% non si è pronunciato e non sappiamo se è un bene oun male. Certo che dopo scelte dell’amministrazione così intelligenti ci si può anche disinteressare di tutto, tanto c’è il buon Piccinelli con le sue idee meravigliose.



 

 

(20 marzo 2017)

 




 

 

 

 

 

©gaiaitalia.com 2017 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 

 

Comments

comments

gaiaitalia.com

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne clicca su "leggi di più". Questo sito utilizza cookies di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi