Pubblicità
23.5 C
Roma
22.3 C
Milano
lunedì, Aprile 15, 2024
Pubblicità
PubblicitàBritish School Banner 2023

POLITICA

PubblicitàLancio Master 2023 Limited Edition

ESTERI

Pubblicità
Pubblicità
HomeLa Pagina de La LuridaLa Lurida: quelli che chiaman Bologna, "Bofogna" come se loro fossero inoczenti

La Lurida: quelli che chiaman Bologna, “Bofogna” come se loro fossero inoczenti

GAIAITALIA.COM NOTIZIE anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram
Porpora Marcasciano (presidentessa del MIT) con Marcella Di Folco
Porpora Marcasciano (presidentessa del M.I.T.) con Marcella Di Folco

di La Lurida twitter@LaLurida

 

L’ocasione è una cosa che suczede a Bologna che czi son delle trans e dei trans che si incontrano lì, si fan un convegno che cz’andrei anch’io, mo’ è l’anno prossimo e non so neanche se cz’arivo viva al anno prossimo, così che gnente. Un convegno insomma che farà di Bologna la capitale dei diritti transgzender per un paio di gziorni.

 

La notizzia è stata publicata su dei gziornali, che è quello che si ga con i gziornali, che sn diventato imposibili qvasi da leggzere da quando cz’è qvesta moda che tutti i testa di minchia czi posson sputare sopra la loro mxxxa, e dentro la notizzia cz’è anche una cosa de la Porpora, la Marcasiano, che è poi la presidentessa del M.I.T. che dicze così: “A maggio del prossimo anno arriveranno in città più di 250 delegati da tutto il mondo, per il simposio biennale che fa incontrare le associazioni transessuali d’Europa e del mondo” che si dovrebbe magari anche essere fieri di vivere in una czittà dove cz’è posto per tutti. Invecze no. Su quel gziornale lì che si chiama Bologna Tudai che statemi anche su dai maroni che io l’inglese non lo so micca, son saltati fuori dei comenti che fan pavura. E son tutti qva di dietro, di sotto. Insomma, legzeteli.

 

Bologna Bofogna Commenti

 

 

E a me, che son travestita, micca trans che ai miei tempi non si usava, eri solo uno scherzo de la naturA, mi viene da schifarmi tutta per chè ne ho visti tanti di queli lì che ne diczevan di tutti i coloro alle trave di gziorno e le andavano a czercare di notte “Ti amo da morire, ma come facczio a farmi vedere con te a la lucze del sole?”, che di notte e dopo ti amano tutti, tanto poi tornano a casa e il male sei tè, e ti dicono che ti amano come se tè cze l’avessi chiesto, insomma volevo dire in chiusura che poi il Capo si imbestialise, mo’ questa Bofogna, come la chiamano czerti, non è che poi magari avranno anche contribuito a costruirla tutti quegli animali che dato che son nascosti e a nonimi dietro un gziornale onlain dicono quel che czi salta da l’organo quando czi pare e del rispetto chi se ne frega, che tanto son degni, buoni e bravi solo loro? Non è che czi vien tanto bene di seminar de l’odio per chè son brutti dentro come il demonio e san solo tirare dei cancheri a quegli altri? Non è che se non czi piacze la loro vita da disperati se la devono migliorare loro invecze di dar la colpa agli altri che cz’an tutti i diritti di vivere come czi paice?

 

Del resto io l’ho gzià spiegato qvi e anche qvi come la penso. Mo’ non è micca importante. Forse…

 

Volevo ringraziare quelle belle sgnacchere delle LezPop che cz’hanno un sito belissimo.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

(22 maggio 2015)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

©gaiaitalia.com 2015 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 

 

 

Pubblicità

LEGGI ANCHE