9.9 C
Roma
sabato, Ottobre 16, 2021

Isis, massacri e fosse comuni tra Iraq e Siria

Yarmukdi Ahmed Naouali

 

Sarebbero almeno 1700 i morti sotterrati in fosse comuni dall’Isis a Tikrit, corpi senza vita di soldati iracheni morti ammazzati dai terroristi del sedicente califfato che potrebbero – è notizia di oggi – essere al soldo degli ex generali di Saddam Hussein, che sarebbero i veri capi dell’Isis.

Stanno scavando a Tikrit ed hanno rinvenuto fino ad ora poche decine di corpi, raccontano i media occidentali e non solo, il futuro ci riserverà altri orrori.

 

Come quello del campo profughi alle porte di Damasco caduto nelle mani dell’Isis dove i mercenari assassini del Califfato hanno tagliato diverse teste, a scopo dimostrativo, distrutto i viveri destinati ai 18mila profughi palestinesi ospitati a Yarmuk, non essendo cristiani il papa argentino non ne fa cenno nei suoi insulsi discorsi pasquali, ma vengono ammazzati anche loro.

 

Per le menti malate degli assassini dell’Isis i profughi palestinesi sono fiancheggiatori di Assad e vanno sterminati.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

(7 aprile 2015)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

©gaiaitalia.com 2015 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 

POTREBBERO INTERESSARTI

SEGUITECI

4,687FansMi piace
2,378FollowerSegui
120IscrittiIscriviti
Pubblicità

ULTIME NOTIZIE

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: