22.4 C
Roma
17.8 C
Milano
Pubblicità
Pubblicità
Torino
cielo sereno
11.8 ° C
14.5 °
9.6 °
88 %
4kmh
6 %
Sab
22 °
Dom
16 °
Lun
21 °
Mar
21 °
Mer
21 °

POLITICA

Pubblicità

ALTRA POLITICA

Pubblicità

ESTERI

Pubblicità
HomeDico quello che mi pare...La vittoria di Camusso L'Obsoleta: autobus pieni zeppi e gente che si...

La vittoria di Camusso L’Obsoleta: autobus pieni zeppi e gente che si prende a pugni per salire

Pubblicità
GAIAITALIA.COM NOTIZIE anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

12 dicembre 2014 Sciopero Generaledi Il Capo

Abbiamo avuto la ventura di trovarci in una zona di Roma esattamente opposta a quella dove lavoriamo nel giorno dello sciopero generale – che è un diritto sacrosanto dei lavoratori e che i sindacati fanno bene a convocare quando ritengono ve ne sia l’assoluta necessità: dalle 9.00 del mattino Metro A sprangata, autobus a singhiozzo, ma qualcuno viaggia, banche chiuse con cartelli ambigui che non parlano di sciopero, ma di una ventilata possibilità di non vedere soddisfatte le richieste dei clienti causa uffici chiusi, bancomat vuoti e clienti furiosi.

Il viaggio di ritorno mi costa esattamente 4 ore e 14 minuti, il tratto che da L.go di Torre Argentina porta a Piazza Venezia, in 47 minuti. Un vero recordo. Per fortuna in Piazza Venezia abbiamo avuto la fortuna di vedere tre (sì, tre) bandiere e cinque (sì, cinque) palloncini con l’acronimo CGIL, che ci ha messo naturalmente di buon umore.

Piazza Venezia/Termini camminando: una passeggiatona che amiamo, in più sapevamo che all’arrivo a Termini la necessità di salire su un autobus si sarebbe trasformata in guerriglia: così è stato. Italiani che bestemmiano, insultano e imprecano, un paio di mmigrati violenti che si inalberano, italiani che si infuriano con gli immigrati violenti, neri africani che spintonano donne innocenti, queste ultime che si trasformano in belve gridano l’ingridabile e “negro di mxxxa stai a casa tua”, mentre siamo così stipati – e alle fermate continua a salire gente, volano qualche pugno e un paio di minacce di accoltellamento – che non rischieremmo di cadere nemmeno se l’autobus frenasse violentemente e senza preavviso.

Fino ad ora l’unico risultato visibile dello sciopero convocato da Susanna Obsoleta Camusso e dalla sua smania di affondare Renzi – perfettamente in asse con la minoranza Pd e con Salvini – è una città infuriata contro lo sciopero e contro i sindacati (i commenti sono impubblicabili, non si tratta di censura), che si chiede perché mai si debba rimanere bloccati su un autobus per due ore a causa dell’affollamento e delle corse saltate (che purtroppo sono una consuetudine, non un problema determinato dall’astensione dal lavoro) e a cosa servirà mai impedire alla badante di raggiungere casa in tempo quando “io devo andare al lavoro, non mangio con gli stipendi di Camusso o Renzi”, è il riassunto edulcorato di una delle tante bestemmie di cui siamo stati divertiti testimoni.

Ora aspettiamo altri risultati eclatatanti dallo sciopero convocato da Camusso l’Obsoleta: li aspettiamo sul serio anche se tutta l’azione della CGIL ex comunista e neo leghista ci sembra somigliare tanto alla minoranza Pd che affonda il governo Pd sulle riforme.

Posto che magari avranno anche ragione vorrei proprio stare a vedere. Per ora i sindacati esultano per il 70% di partecipazione (e ci sono stati scontri seri a Milano, a Torino e a Roma con petardi, lacrimogeni e cariche della Polizia), mentre c’è chi dice che ad aderire è stato il 50%, e la solita guerra di cifre tra FS e Sindacati. Insomma, da una parte e dall’altra i metodi sono sempre gli stessi, manifestazioni, propaganda, interessi di parte e poca voglia di dialogare.

“Abbiamo idee concrete per cambiare l’Italia”, recitava lo slogan dello sciopero. Allora, dove lo volete portare questo paese signori del governo, dei partiti e delle parti sociali? Vorreste farlos apere anche a noi, con azioni intelligenti e chiare, una volta per tutte?

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

(12 dicembre 2014)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

©gaiaitalia.com 2014
diritti riservati
riproduzione vietata

 

 

 

 

 

Roma
foschia
22.4 ° C
24.2 °
20.8 °
62 %
1kmh
0 %
Sab
31 °
Dom
26 °
Lun
27 °
Mar
28 °
Mer
26 °
Pubblicità

LEGGI ANCHE