25.8 C
Roma
23.3 C
Milano
Pubblicità
Pubblicità
Torino
cielo sereno
18.8 ° C
19.4 °
18.2 °
75 %
3kmh
0 %
Sab
19 °
Dom
24 °
Lun
26 °
Mar
27 °
Mer
27 °

POLITICA

Pubblicità

ALTRA POLITICA

Pubblicità

ESTERI

Pubblicità
HomeCiò che mi rende furiosaCiò che mi rende furiosa, di Gisella Calabrese: "Berlusconi di nuovo papà...

Ciò che mi rende furiosa, di Gisella Calabrese: “Berlusconi di nuovo papà (forse). A chi interessa?”

Pubblicità
GAIAITALIA.COM NOTIZIE anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

Gisella Calabrese 03di Gisella Calabrese giscal77@twitter

Dopo aver appreso con terribile sgomento l’imminente separazione di Valeriona Marini a nemmeno un anno di distanza dalle nozze barocche (e ho voluto essere buona) a cui erano invitati praticamente cani e porcellini, siamo stati letteralmente invasi dalla notizia che sta facendo il giro di tutta la nostra martoriata Italia: “la Pascale è incinta? Il pancino sospetto fa discutere”. Insomma, dopo venti anni di processi e procedimenti ad personam per evitare l’inevitabile (il gioco di parole è assolutamente voluto), da un anno sembrava che Silvio nazionale ci avesse finalmente lasciato liberi. E invece, senza nemmeno molta sorpresa a dire il vero, si parla di lui almeno a giorni alterni, come con le targhe automobilistiche, per evitare quelle pericolose emissioni di CO2 che intossicano la nostra aria. E in effetti, pure Berlusconi continua a intossicare (ne saprà di certo qualcosa il nostro Renzi) e, probabilmente, anche ad intossicarsi. D’altronde, sono questi i rischi che si incorrono a “fidanzarsi” alla veneranda età di 78 anni con una appena trentenne bionda e con velleità televisive che parla di matrimonio con un’insistenza poco velata, salvo poi venir smentita dall’amorevole compagno e, soprattutto, dai meno amorevoli cinque figli che già si sono spartiti l’ingente eredità familiare. E allora succede che se la Pascale – che ad ogni uscita sembra faccia un intero servizio fotografico – si fa immortalare con una mano sulla pancia, scatta la corsa all’articolo più insinuante, più indagatore e, ahimè, più condiviso. Che sia su quotidiani, settimanali, tutti i siti di news e blog di gossip è sotto gli occhi di tutti. Non c’è una sola testata che si sia fatta scappare la notiziona della settimana. A partire dalla carta stampata blasonata, passando da giornali come il Secolo XIX, il Messaggero, L’Unità, fino all’Unione Sarda e persino siti di Meteo (sì, avete letto bene), tutti – e dico proprio tutti – hanno scritto almeno un pezzo sull’argomento. Credo che forse solo Case e Giardini o Il mio trattore siano rimasti esenti da questa corsa allo “scoop imperdibile”. Mi viene da pensare che nemmeno la notizia di aver scoperto una cura contro il cancro avrebbe avuto tutto questo clamore.

Ora, a voler scandagliare un pochetto questa cronaca così “impellente”, qualche considerazione la voglio fare. In primis: ma se Franceschina ex valletta in bikini di Telecafone (perché è da lì che proviene) sia davvero incinta, al popolo cosa importa? E soprattutto, perché devo sorbirmi questa inondazione mediatica su una presunta quanto improbabile gravidanza? Perché, se proprio la vogliamo dire tutta, che sia uno stratagemma per farsi sposare (ma in tal caso temo che abbia fatto male i suoi conti, che invece i figli Berlusconi hanno fatto benissimo, calcolatrice alla mano) o un semplice problema di flatulenza intestinale, la mia vita non cambia di certo. E la vostra? Inoltre, se la Pascale esce appositamente per andare in un negozio di abbigliamento per l’infanzia e dice alla commessa “Non si vede che sono incinta?” cari signori, le possibilità sono solo due: che sia uno scoop creato ad arte per far parlare di sé e del suo amorevole e “pantofolaio amore” (parole sue) oppure è davvero incinta e senza aspettare i tre mesi canonici, non ha perso tempo ed è corsa a far compere per il piccolo berluschino. E in questo caso sarebbero pure affari suoi, dato che la gravidanza è un evento speciale, intimo e pieno di significati. In tutta onestà, ci sarebbe anche una terza ipotesi, ovvero che sia pazza, ma questa non la voglio considerare. Si potrebbe aprire un intero capitolo sui suoi gusti in fatto di uomini, ma il mondo è bello perché è vario, no? Ad ogni modo, escludendo i giornali “gossippari” che fanno questo di mestiere e ci guadagnano anche molto bene, non riesco proprio a capire perché testate giornalistiche che dovrebbero occuparsi di cronaca vera, di inchieste, di approfondimenti su materie importanti come la legge elettorale, la riforma del lavoro o su tutti quegli italiani che stanno “con le pezze al culo” (perdonatemi la volgarità, ma ormai fa parte del nostro quotidiano) si cimentino in una cosa simile. E non mi venissero a parlare del sacro diritto d’informazione (che è intoccabile, sia chiaro), perché queste sono “inciuci” che si leggono dal parrucchiere. Anzi, nemmeno lì, dato che il mio hair stylist propone alle clienti la lettura di libri, anziché giornali di gossip.

Al di là della curiosità iniziale e dell’ilarità che questa notizia ha suscitato sui social network (alcuni commenti su Twitter sono pura poesia satirica), che ce ne frega? Se, come è probabile, il pancino sospetto della Pascale sia solo il risultato di una Pasqua in stile napoletano, con casatielli e pastiere che sono una vera goduria per le papille gustative, ma molto meno per la bilancia, voglio proprio vedere cosa scriveranno le riviste storiche di questo Paese che ancora si illudono di avere quella credibilità che li rendeva veri organi di informazione. Questo sì che mi rende furiosa. Cielo non voglia che, tra una notizia di economia e una di politica estera, mi ritrovi l’ennesimo pezzo sulla Pascale che, dopo aver cambiato l’ennesimo paio di ballerine ai piedi (per non sembrare più alta del fidanzato che indossa la scarpa “rinforzata”) va dal gastroenterologo per un disturbo intestinale. In tal caso userò quel giornale per uno scopo più utile, tipo fare la lettiera del gatto. A patto che lo gradisca.

Cordialmente vostra.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

(12 maggio 2014)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

©gaiaitalia.com 2014
diritti riservati
riproduzione vietata

 

 

 

 

Roma
cielo sereno
25.8 ° C
26.3 °
24.5 °
44 %
2.1kmh
0 %
Dom
35 °
Lun
36 °
Mar
36 °
Mer
36 °
Gio
29 °
Pubblicità

LEGGI ANCHE